Marettimo è una delle isole Egadi più piccole e a mio parere una delle più autentiche. In quest’isola è come se il tempo si fosse fermato, come se tutto scorresse ancora molto lento. Molte persone si sono trasferite da altri luoghi innamorati della lentezza di quest’isola che raggiunge i 60 abitanti in inverno.

Come arrivare a Marettimo:

Così come per Favignana basta prendere un aereo per Trapani o Palermo e poi un aliscafo dal porto di Trapani, ce ne sono moltissimi, quindi non avrete problemi e ovviamente ogni isola dell’arcipelago delle Egadi è collegata tra loro con circa 3-4 trasporti al giorno.

Dove dormire a Marettimo:

Essendo un’isola molto piccola Marettimo offre prevalentemente soluzioni d’affittacamere, alcune molto carine, altre a mio parere un po’ estreme. Ho visto diversi bassi (tipica abitazione del sud al piano terra che da sulla strada) affittati con gente che mangia, si spoglia e si rilassa in pratica davanti ai passanti, cosa che non mi piacerebbe molto.

Io ho alloggiato al Marettimo Residence, un bellissimo complesso immerso nel verde, che ha dei bungalow molto comodi e spaziosi. Ci sono fiori ovunque, un profumo stupendo, c’è una sala yoga molto grande, un giardino stupendo con due jacuzzi e una piscina riscaldata. Molto spesso la sera il signor Fausto, il proprietario, organizza la cena dei pescatori, dove i suoi pescatori di fiducia portano su quello che hanno preso la notte prima e si lo cucinano e tutti gli ospiti mangiano insieme. Davvero molto carino. Il residence ha una vista bellissima anche dalle camere è diciamo l’ultima struttura del paese quindi ti da la possibilità d’avere una visione di tutto il paese davvero romantica.

Cosa fare a Marettimo:

Se posso quando giro nelle isole cerco, almeno un giorno, di affittare un gommone per fare il giro dell’isola, Marettimo però si trova all’interno di una grandissima area marina protetta [la Riserva Naturale Marina Isole Egadi] la più grande d’Europa e per buona parte dell’isola l’accesso via mare è interdetto. Possono accedere solo imbarcazioni autorizzate quindi l’unico modo per vedere il lato più spettacolare è affidandosi ad un giro in barca.

Io ho fatto il giro dell’isola con Marettimo Web, la barca parte la mattina dal porto antico che si trova alle spalle di quello nuovo, i gruppi sono molto piccoli, la barca era davvero grande e spaziosa, ricordava un peschereccio ma libero dagli arnesi di lavoro. Il tour dura circa tre ore ti da la possibilità di fare il periplo dell’isola e di visitare le tantissime grotte che l’isola ospita. La barca in molti punti ti da la possibilità di tuffarti a fare il bagno, di fare snorkeling, nuotate, tutto con i vostri tempi. Quello che ho fatto è stato un giro con un tempo molto lento, pochissima gente intorno a noi, niente stress e il capitano è stato anche così gentile da lasciarmi su una spiaggetta a fine giro invece di portarmi in porto, visto che erano circa le 2 e il  sole in Sicilia si fa sentire.

L’isola di Marettimo diciamo che non ha spiagge di facili accesso, esclusa Praia dei Nacchi che si raggiunge in una 15ina di minuti dal porto e si deve camminare davvero poco tra le rocce e in poco tempo si arriva.

Una passeggiata molto bella è quella che va verso il Castello di Punta Troia, dura circa 2h, vi consiglio di farla la mattina presto e muniti di cappello e acqua, arrivati al Castello è possibile fare una visita guidata, ma è sempre bene informarsi prima sugli orari d’apertura, vi spiegheranno la storia di questo castello nei secoli e vi parleranno dell’Osservatorio della Foca Monaca.

Cosa fare a marettimo

Spiaggia Cala del Cretazzo, per chi sceglie di raggiungerla via terra preparatevi ad una camminata davvero molto impegnativa lunga più di 3 ore, in salita e con molti massi, usate scarpe adatte e portate con voi l’acqua e il cibo sufficienti per la giornata perchè in spiaggia non ci sono punti di ristoro. La spiaggia  è bellissima, una delle più belle, ciottoli e acqua turchese.

Visitare le Case Romane, circa 30 minuti di cammino dal centro città, è possibile arrivarci anche a dorso d’asino, si possono visitare dei resti romani e una piccola chiesetta bizantina. La vista da lì su è molto bella.

Cosa fare a Marettimo

Dove Mangiare a Marettimo:

Come sempre vi posso dire dove ho mangiato io, con questo non intendo dire che siano i posti migliori.

Il Veliero: proprio sul mare, mi piace molto il tavolo degli antipasti/contorni, vi consiglio di farci un salto perchè ci sono tantissimi piatti tipici siciliani. I primi sono molto abbondanti, la pasta con pesce e pistacchi era pazzesca.

Il Pirata: se ce l’ha disponibile mangiate il cous cous di pesce, non sempre si trova buono al ristorante, il loro è davvero ottimo.

Il Carrubo, in questo non ho fatto in tempo ad andarci, ma mi hanno detto tutti che è ottimo.

grotte di Marettimo

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.
Ischia Yoga + Trekking27-29 Settembre

Un bellissio weekend di Settembre ad Ischia, in un hotel da sogno nel paesino di Sant'Angelo, faremo yoga, meditazione, camminate sul Monte Epomeo e possibilità di andare alle terme.

Iscriviti Subito