Giro del Mondo senza soldi facendo People Watching, Matteo Pennacchi.

Matteo Pennacchi, italiano anche se ha vissuto gran parte della vita all’estero, ha visitato più di 50 paesi , traslocato 22 volte e soprattutto fatto 3 giri del mondo!

Un uomo che cerca la sfida nella sfida, nel ‘98 ha fatto il suo giro del mondo senza soldi e senza bagagli entrando nel Guinness dei primati. Nel 2000 effettua il primo giro del mondo interattivo creando la Nomad Community un progetto che riesce ad essere sponsorizzato da National Geographic, Benetton e l’attuale Vodafone.

Da anni lavora nel mondo del turismo, è stato intervistato da decine di riviste in tutto il mondo. Esperto di giri del mondo lancia il suo sito www.igiridelmondo.itdove si può trovare tutto per prepararsi a questo grande viaggio.

www.igirdelmondo.it

Matteo in Africa

  1.  Tre giri del mondo all’arrivo, come hai deciso di intraprendere un giro del mondo senza ne soldi ne bagagli?

Tutto nasce da un sogno, ero durante il mio primo giro del mondo e una notte sogno la Danza di Matisse, uomini e donne nudi che si mostrano per quello che sono e che noi tutti amiamo per questo. Al mio risveglio ho pensato che avrei voluto viaggiare anche io solo per quello che sono, senza zavorre né mentali né fisiche, e così è nata l’idea di fare un giro del mondo senza bagagli e senza soldi, anche se ho deciso di realizzarla diversi anni dopo. Quando ho detto a mio padre che sarei partito per il mondo senza soldi né bagagli, lui mi ha detto che avrei dovuto farne un progetto comunicativo, e così è stato! ho descritto la mia idea al Guinness dei primati, poi ho iniziato a diffondere la voce sui media, interviste in TV, alla radio, articoli su riviste nazionali, ho stretto degli accordi con la transiberiana che mi ha regalato un biglietto di terza classe e con le navi cargo che mi hanno fatto viaggiare con loro. Al mio ritorno da questo esperimento sociale ne è nato un libro Il grande sogno.

 

  1. Come hai fatto praticamente ha viaggiare per 3 mesi senza soldi?

Durante il mio viaggio ho imparato ad osservare la gente e a capire cosa vuole. Il mio obiettivo era trovare vitto e alloggio, ma non c’è un’unica strategia per farlo, cambia a seconda dei paesi in cui ti trovi.

Si inizia da un luogo affollato, generalmente io prediligevo i mercati ed iniziavo con il people watching, osservare in silenzio i comportamenti umani fino a capire cosa fosse importante per loro, quale era la leva che dovevo muovere.

Negli Stati Uniti ho capito che per riuscire dovevo “essere famoso”! Quindi sono andato dai mass media e li ho fatti parlare di me! Invitato ai programmi del mattino, ho avuto la prima di copertina su Arizona Sun e altre interviste su Los Angeles Time, Savannah Morning, The Times Picayune, poi gli inviti venivano quasi da se, andavo in un ristorante con la mia copia della rivista in mostra ed ero trattato come una star. Una volta volevo farmi un tatuaggio per suggellare questa esperienza, ho scelto il negozio e gli ho chiesto di barattare un tatuaggio gratis per un articolo su una rivista; e così è stato, lui ha accettato e io ho fatto venire dei giornalisti per immortalare il tatuaggio del viaggiatore italiano che  viaggia senza soldi!

In Cina avevo capito che loro sono molto affascinati dai giochi di prestigio, perciò li ho stupiti con i miei effetti speciali e loro magicamente mi hanno dato vitto e alloggio.

In Russia, l’essere italiano ha avuto molti vantaggi, parlare di calcio attirava molto la loro attenzione e mi sono trasformato in esperto di

La_Danza_matisse

calcio ed in più mi offrivo di cucinare loro piatti della nostra cucina e si sa, nessuno può dire di no alle lasagne.

 

  1. 3. Cosa hai portato con te?

Molto poco, i vestiti che avevo addosso, che erano offerti da US Road che quando sono tornato li ha messi sotto vuoto per testimonianza; una maglietta, boxer e calzini di ricambio, un piccolo marsupio con spazzolino e dentifricio, sapone e le lettere.

Forse la cosa più utile che portavo con me erano proprio lettere: la rassegna stampa di tutti i media che avevano parlato del mio progetto, la lettera d’intenti del Guinness dei Primati ed una lettera di mio zio prete che si impegnava a pregare per tutti coloro che mi avrebbero offerto ospitali.

 

  1. 4. Quale è la cosa più importante che questa esperienza ti ha insegnato?

Che il prossimo è molto più disponibile di quanto si pensi.

  1. 5. Qual’ è stato l’atto di generosità che più ti ha colpito in questo viaggio?

Più che un atto di generosità è stata una frase, mi trovavo in Cina, stavo parlando con pastore, gli ho raccontato del mio progetto di quello che stavo facendo e lui candidamente mi ha risposto: “Solo un occidentale può fare una cosa così bella e rovinarla per cercare di stabilire un record.”

        6. Che cosa è Nomad Community ?

Un progetto forse troppo avveniristico per l’epoca in cui è nato! Nasce con l’idea di raggruppare i viaggiatori nel mondo e dargli un luogo comune anche se virtuale, una community di quelli che oggi si chiamano Nomadi Digitali.

 

Matteo Pennacchi

Matteo Pennacchi

      7. Raccontaci il tuo terzo giro del mondo con Nomad Community.

Il terzo giro del mondo è stato un viaggio virtuale, il progetto Nomad Community era sponsorizzato da National Geographic , da Benetton e da l’attuale Vodafone, eravamo un gruppo di 4 ragazzi: un film maker, un addetto stampa, un addetto logistica e un cyber, avevamo telefono satellitare e computer, ma era agli inizi degli anni 2000 le connessioni erano poche e pessime.Il nostro viaggio era manipolato dalla rete, la community , allora più di 3000 persone (tantissime per l’epoca) sceglieva di volta in volta cosa farci fare o poteva raggiungerci e viaggiare con noi per un periodo, noi avevamo un caravan e offrivamo vitto e alloggio. Ogni giorono pubblicavamo un video e il resoconto in 3 lingue, italiano, inglese e francese, è stato un lavoro molto duro.

      8. Se dovessi descrivere con un aggettivo ognuno dei tuoi 3 giri del mondo, quali sarebbero?

1)   Libertà

2)   Umanità

3)   Progresso

9. Quale è la tua sensazione prima di partire per un lungo viaggio?

Ora mi capita di viaggiare quasi sempre per lavoro, la mia sensazione prima di partire è paura, perché non so come andranno le cose… prima era semplicemente vita!

   10. Secondo te perché pochi italiani viaggiano da soli?

Perché siamo un popolo viziato. Siamo nati in un paese meraviglioso, sia a livello culturale che naturalistico che gastronomico, è difficile stupirci. Amiamo la comodità, non amiamo spostarci, a differenza di altri popoli europei non ci adattiamo alle situazioni e poi soprattutto la maggior parte degli italiani non parla le lingue e all’estero è un problema.

Per  leggere di più su Matteo Pennacchi consulta il suo sito www.igiridelmondo.it

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

10 Commenti

  1. Avatar

    Ciao e’ molto interessante quello che fai. Ma mi chiedo come fai a mantenenti? Sicuramente non pratichi la tua laurea vero? Io sn una psicologa come te …

    Rispondi
    • Francesca Di Pietro

      Certo che pratico la mia laurea! in molte maniere direi, si è psicologi nella vita non solo dlle 9 alle 17!

      Rispondi
    • Avatar

      Vedi Claudia, anche io ho ricevuto molte volte la tua domanda “Chi ti dà i soldi? Chi ti dà il tempo? come sei fortunato…”
      I soldi li risparmi o non li spendi in altre cose che spesso sono secondarie;
      le ferie te le prendi o sospendi la tua attività, non riscuoti denaro, in compenso riscuoti in vita!
      e poi non è fortuna, lo fai se lo vuoi .
      Non voglio essere sgarbato, ma come psicologa dovresti capire che spesso sono scuse perché non si ha il coraggio o la forza di fare certe scelte.

      Rispondi
      • Francesca Di Pietro

        Fausto ti ringrazio moltissimo, siamo perfettamente allineati! Volere è potere, e non è solo un detto antico!

        Rispondi
  2. Avatar

    Mess per Matteo

    Ciao, mi chiamo Livio ho girato con pochi soldi Thailandia India Birmania Laos Cambogia Nepal Australia Vietnam, ma senza mai chiedere nulla a nessuno unicamente con le mie forze.Credo che il tuo modo di viaggiare non sia quello giusto, secondo me non hai colto l’essenza del viaggio. Ti sei perso cosa vuol dire umiltà e semplicità che sono le basi del vero viaggiatore.Non mi vanterei d’avere fatto il giro del mondo in questo modo.

    Rispondi
    • Francesca Di Pietro

      Scusa perche’? mi sono persa qualcosa! lui ha vissuto solo di ospitalita’? dove e’ che ha perso l’essenza del viaggio?

      Rispondi
  3. Avatar

    Cara Francesca sono una studentessa e frequento il IV liceo.
    Vorrei farti una domanda. Io prima di intraprendere una laurea o stanziarmi in una città dove passare il resto della mia vita vorrei viaggiare, fare il il piu alto numero di esperienze possiblili, conoscere nuovi paesi e culture anche per capire in quale posto mi potrei trovare meglio.
    Il problema è che non sono miglionaria e per fare ciò che dico ci vogliono tanti soldi!
    Io sarei disposta anche a non avere un posto dove dormire e a vivere alla giornata cercando di soprevvivere.
    Sono ben disposta anche perchè credo sia anche un modo per rivalutare poi tutti i lussi di cui usufluisco giornalmente ma… è possibile che una ragazza faccia ciò ? O è troppo rischioso ?

    Rispondi
    • Francesca Di Pietro

      Ciao Francesca, innanzitutto io direi di non vedere il fatto di laurearsi o iniziare a lavorare come una cosa stanziale, anzi la cosa migliore è studiare e lavorare all’estero e in italia. Mi sembra molto importante per te che tu inizi a fare questa esperienza di viaggio in solitaria così giovane, anche se devi stare attenta perchè essendo più ingenua molte cose per te possono essere più pericolose. Innanzitutto non consiglierei di viaggiare cercando di sopravvivere, prova a pensare le cose in maniera più organizzata, per esempio viaggiare e lavorare in qualche ostello o ristorante per brevi periodi, in questo modo pratichi le lingue, incontri un sacco di gente, guadagni qcs e hai alloggi gratis. in più è un’esperienza molto utile da aggiungere al tuo CV! Se hai bisogno di una mano posso aiutarti come travel coach , scrivimi in privato.

      Rispondi
  4. Avatar

    Buon giorno Francesca.
    Lavoro autonomo da più di una vita, però, ancora quattro o cinque anni devo continuare. In agosto 2014 rubai il tempo al mio impegnativo lavoro di orologiaio e partii per Santiago di compostella, è stato un viaggio con me stesso, che mi ha rivelato molte cose che vorrei fare nella vita, o il tempo per pianificare un viaggio a piedi, vorrei fare qualcosa di particolare, ma non so quale e dove, e la prima volta che scrivo a qualcuno, anche perchè non ho molta pratica con il p.c. Puo indirizzarmi o consigliare. La ringrazio per una risposta. Rovatti Sergio.

    Rispondi

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.