Trasforma il viaggio in un'esperienza di crescita.Come Viaggiare da Soli: Manuale di Travel Coaching

Chiunque ami minimamente la letteratura di viaggio e i grandi racconti d’altri tempi si è immaginato almeno una volta nella vita cosa doveva significare solcare le acque del capo di buona speranza con un’imbarcazione a vela.

La penisola del capo è una zona mediamente estesa e soprattutto con tantissime cose da fare e vedere, se ne avete la possibilità io vi consiglio di visitarla in due giorni, nel primo arrivate fino al capo di buona speranza e nel secondo vi godete l’atmosfera di tutti i paesini e spiagge lungo la costa.

Se invece siete a corto di tempo vi consiglio di partire davvero presto la mattina verso le 7 massimo e fare tutto in una lunga, lunghissima giornata.

Misty Cliffs

Per percorrere tutta la penisola del capo in una sola giornata la soluzione migliore è iniziare da ovest, fermarsi prima a Long Beach per osservare i primi surfisti della giornata , sorseggiando un caffè caldo, poi proseguite verso Misty Cliffs, in questo punto come dice il nome il paesaggio è davvero mozzafiato, non ci sono villaggi o bar, sarà una zona tutta natura e onde. Cercare d’arrivare al Capo di Buona Speranza il prima possibile, è un parco nazionale, per accedere è necessario pagare un biglietto d’ingresso di 135 Rand.

Nella zona del capo si possono iniziare diversi percorsi di trekking, molto molto leggeri, con bellissimi panorami. Il primo che vi troverete di fronte è la via verso il faro di Cape Point, molto dolce e con bellissimi scorci sul Capo di Buona Speranza che resterà sempre alla vostra destra. Dal faro inizia una piacevole passeggiata lungo le scogliere a picco sul mare, di circa 30 minuti.

Capo di Buona Speranza - Cape Town

Capo di Buona Speranza – Cape Town

Tornando indietro verso la zona parcheggio sulla destra inizia un trekking verso il Capo di Buona Speranza, circa 1.5h andata e ritorno. Il percorso è tutto segnato e delineato da comode passerelle di legno. Verso metà percorso troverete una biforcazione per una spiaggia esattamente prima del capo, prendetela è bellissima! Potete vivere l’emozione di bagnarvi tra le onde di uno dei mari più forti del mondo, ovviamente non nuotata è pericolosissimo, basta farsi bagnare leggermente! La spiaggia è enorme, sabbia bianca e fluttui turchesi.

Il percorso continua leggermente più in salita fino a ridiscendere in un secondo parcheggio dove c’è il famoso cartello con le coordinate del Capo di Buona Speranza e una infinita fila di turisti che cerca di immortalare la foto simbolo. La cosa drammatica che quasi il 70% dei turisti si da fa solo la foto senza percorrerlo a piedi!

Boulders Beach - Cape Town

Proseguendo verso la costa est del capo la prima tappa è Boulders Beach la spiaggia famosa per avere i pinguini. La spiaggia ha un ingresso a pagamento ed essendo una delle più belle e raccolte della zona, nei week end è sempre mediamente affollata e i pinguini preferiscono nuotare nella spiaggia al lato che è interdetta al pubblico .

Se avete modo io vi consiglio di prevedere una giornata dedicata a Boulders Beach, arrivare magari prima delle otto e nuotare con i pinguini che a quell’ora restano imperturbati sulla spiaggia. Se vi arrivate verso ora di pranzo e non avete intenzione di passare il resto della giornata tra gli scogli della spiaggia, meglio andare direttamente al punto d’osservazione dei pinguini, anche lì è necessario pagare un ingresso di 80 Rand e una comoda passerella di legno vi porterà tra le migliaia di pinguini che popolano la spiaggia. Questo insediamento è uno dei più curiosi del mondo, i pinguini africani sono molto più piccoli degli altri tipi e sono capitati su questa spiaggia senza un motivo ben preciso, hanno iniziato a colonizzare questa spiaggia verso gli anni ’80 e si sono moltiplicati sempre più, è l’unico punto della costa dove si possono trovare e nessuno capisce perché siano solo qui.

Capo di Buona Speranza- Cape Town

Nel villaggetto di Boulders ci sono diversi luoghi dove poter mangiare e a parer mio anche a Simon’s Town che non è affatto male, ma la maggior parte dei capetonian suggerisce di fermarsi a pranzo a Kalk Bay, credo perché abbia una lunga tradizione di pesca. A Kalk Bay, che personalmente non ritengo particolarmente carina, ci sono due luoghi emblematici per pranzare: il più ricercato e altolocato Harbour House e il più genuino Olimpia Caffè.

Harbour House - Cape Town

Harbour House è un bellissimo ristorante alla fine di un molo di legno, completamente avvolto da una vetrata e a picco sul mare. È molto “fighetto” specialmente nel week end ci sono grandi tavolate di ricchi capetonian o molta gente che lavora nel jet set, vi sconsiglio vivamente le ostriche, a me non ha fatto impazzire, la location merita ma il servizio e la qualità del cibo no dato le arie che si tira. Molto più onesto è l’Olimpia Caffè che ha anche un famosissimo forno che addolcirà ogni vostra colazione. Inoltre nel caffè si possono gustare dei piatti del giorno a base di pesce, abbondanti buoni e a buon mercato.

Muizember - Cape Town

Per rilassarvi un po’ dopo pranzo avete due opzioni: surf o spiaggia. Se la vostra idea è quella di trovare un luogo poco ventoso dove prendere un po’ di sole e fare un tuffo St James è la vostra scelta, altrimenti proseguite per un paio di km e fermatevi a Muizemberg la spiaggia più famosa di Cape Town per fare surf.

Muizemberg è ventosissima, molto molto grande, paradiso per i surfisti e kitesurfisti, è molto facile affittare una tavola nei negozi alle spalle della spiaggia, così come richiedere una lezione di surf, ma dovrete resistere al vento e all’acqua gelida. Inoltre è una di quelle spiagge di Cape Town dove ci sono le vedette anti squalo, ossia persone sulla costa che con un binocolo osservano le onde, il loro responso lo trovate espresso nei colori delle bandiere sulla spiaggia.

Muizember - Cape Town

Muizember – Cape Town

Entrambe queste spiagge sono piene di casette colorate di legno, tipiche dell’iconografia di questa città.

Io amo concludere la giornata qui e ritornare in centro al calar del sole, se avete altre soluzioni fatemi sapere.

St James - Cape Town

St James – Cape Town

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.