Vieni a Bali con me: Lascia la tua area di Comfort

Muoversi in taxi, rappresenta sicuramente la soluzione più veloce e confortevole per raggiungere l‘aeroporto di Milano Malpensa. L’unico limite di questo mezzo di trasporto, non ovviamente per tutti ma per molte persone può esserlo, è proprio il costo che bisogna affrontare. Parlando dell’aeroporto di Milano Malpensa, ad esempio, è utile conoscere quelle che potrebbero essere le tariffe partendo da Milano che le diverse diverse società di autotrasporti o taxi offrono al pubblico per arrivare presso il noto scalo aeroportuale lombardo. Le informazioni riportate nelle prossime righe non sono prese da fonti ufficiali da parte di opera nel settore, ma da un insieme di testimonianze dirette di utenti che hanno utilizzato il taxi o servizi complementari.

Insomma allora, quanto si deve spendere in taxi per andare da Milano a Malpensa o viceversa?

La tariffa dei taxi comunali dovrebbe essere intorno ai 95€ euro a prescindere da quello che viene indicato dal tassametro ed è valida solo per partenze o arrivi a Milano e non per i comuni limitrofi, dove invece la somma che si dovrà pagare sarà riportata dal tassametro stesso.

95 euro non sono pochi, se poi si ha bisogno sia dell’andata che del ritorno, la cifra comincia ad essere consistente.

È possibile spendere meno?

In realtà, forse un po’ meno si, ma molto meno sicuramente no. In quest ultimo caso vi conviene utilizzare servizi completamente differenti al taxi.

Per provare a spendere leggermente meno, potete contattare le compagnie di autonoleggio con conducente (Ncc), un servizio in continua ascesa, sia nell’ambito milanese che a livello nazionale.

Il servizio Ncc nasce infatti inizialmente come trasporto di taxi privato che si potrebbe definire di lusso, ma vista la concorrenza sempre più agguerrita e la crescente domanda, negli ultimi anni alcune compagnie praticano tariffe interessanti per i trasferimenti da e verso l’aeroporto di Malpensa.

Le differenze tra taxi e Ncc, per quello che è il servizio offerto sono apparentemente minime, in quanto sostanzialmente in entrambi i casi avrete a vostra disposizione un autista che vi condurrà dal luogo di partenza alla vostra destinazione.

Ma allora quali sono le differenze? Perché, seppur entrambi rappresentano mezzi di trasporto non di linea, vengono definiti con 2 nomi diversi?

Innanzitutto, le tariffe dei taxi sono stabiliti sempre dal tassametro (ad eccezione di alcune tratte, come quella per Malpensa) mentre con il servizio di autonoleggio con conducente sono sempre fisse e prestabilite.

In poche parole, questo vuol dire che utilizzando il taxi saprete solo a fine corsa l’ammontare da pagarsi, mentre con gli Ncc lo saprete già in anticipo, prima ancora di salire in auto.

Secondo poi, i primi non possono lavorare su prenotazione mente i secondi sono autorizzati a lavorare solo su prenotazione.

Un taxi potete fermarlo per strada e salire in auto, un Ncc no. Se per esempio dovete arrivare all’aeroporto di Malpensa e volete prenotare un taxi per essere sicuri di trovare l’auto, non è possibile farlo e l’unica alternativa é prenotare il vostro autista direttamente con una compagnia di autonoleggio con conducente.

Ultima differenza, evidente, per qualcuno importante mentre per altri meno, è proprio il tipo e il colore dell’autovettura.

I taxi sono sempre bianchi con modelli di auto più svariati, mentre il servizio Ncc utilizza quasi sempre veicoli Mercedes di colori nero o grigio, con spesso vetri scuri.

#ad #sponsored

ViaggiaredaSoli

ViaggiaredasSoli collabora con aziende e operatori di settore per offrire ai suoi lettori informazioni sempre utili e aggiornate. Per saperne di più riguardo a possibili collaborazioni commerciali, scrivete a info @viaggiaredasoli.net

Altri post di questo autore - Sito web

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.