Balena Bianca

Tutte le terme naturali GRATIS della Toscana

I benefici del termalismo sono innumerevoli e, in Italia, sono conosciuti sin dall’antichità.

Credo che la Toscana sia uno dei territori termali più ricchi e prosperi non solo d’Italia, ma proprio di tutta Europa, dove è possibile incontrare a distanza di pochi chilometri tante terme naturali completamente gratuite.

Quello che apprezzo particolarmente degli stabilimenti termali toscani è che, da Nord a Sud della Regione, ce ne sono moltissimi che sono gratuiti. Ciascuno con le proprie peculiarità e le proprietà delle loro acque.

Vediamoli insieme.

Tutte le terme naturali GRATIS della Toscana:

1. Bagni di Petriolo

I Bagni di Petriolo si trovano nella Valle dell’Ombrone, al confine tra la provincia di Grosseto e quella di Siena.

Già conosciute in epoca romana e rinascimentale, sono immerse nella riserva naturale del Basso Merse, uno scenario naturalistico, a mio avviso, a dir poco incantato.

Le acque termali di Petriolo sgorgano a 42°C e sono particolarmente indicate i caso di problemi respiratori e dermatologici grazie alla varietà di minerali che contengono.

Le Terme Libere di Petriolo, si trovano appena fuori il Comune di Monticiano, mantengono la stessa temperatura, e trovo che siano perfette per un bagno a contatto con la natura.

Dove dormire vicino i Bagni di Petriolo:

Rosewood Castiglion del Bosco: se cercate una location super esclusiva, elegante, di grande charme e atmosfera questa è la soluzione che fa per voi. La tenuta, la piscina e il servizio sono indimenticabili.

Mercure Petriolo Siena Terme Spa: la garanzia del brand Mercure, un hotel con spazi molto grandi, moderno, camere spaziose e una piscina termale interna privata per gli ospiti.

La locanda di Petriolo: ammetto che amo lo stile di questo hotel, è una locanda in pietra immersa nella natura, stanze moderne, stile molto essenziale, tutto molto curato, si trova molto molto vicino alle terme all’aperto.

Le Caldanelle Podere Sant Anselmo: bel podere toscano in pietra, bellissimo giardino con piscina e una vista magnifica tra le colline.

2. Terme di Saturnia

In particolare, le Cascate del Mulino di Saturnia

Nel cuore della Maremma, sono considerate tra le più belle terme libere della Toscana per la splendida cornice naturalistica in cui si trovano.

Si tratta, infatti, di un insieme di sorgenti di acqua sulfurea che, scorrendo a ridosso di un mulino (da cui il nome delle terme), fluisce a cascata da un livello all’altro.

Questo tragitto su diversi dislivelli ha fatto sì che, nel corso dei secoli, si creassero spontaneamente delle grandissime vasche calcaree che oggi possono essere utilizzate proprio per godere dei bagni termali stessi.

Quello che caratterizza le Cascate del Mulino, oltre alla location mozzafiato, è la temperatura dell’acqua a 37°C  alla sorgente.
Grazie a questo e al fatto che sono aperte tutto l’anno, visitarle sarà sempre un’esperienza piacevole, anche in autunno e in inverno.

Sono stata più volte alle Terme di Saturnia, in diverse stagioni, quindi se volete saperne di più sia sulle terme in inverno, sia per quanto riguarda l’hotel Terme di Saturnia dove potete anche andare solo in giornata alle terme e dove dormire alle terme di Saturnia vi consiglio il mio articolo Cosa fare in un weekend alle Terme di Saturnia

3. Bagni di San Filippo

Si trovano nella provincia di Siena, tra la Val d’Orcia e il Monte Amiata.

Anche questa località termale è caratterizzata da acque sulfuree e, pur essendo un centro abitato molto piccolo, le sue terme sono molto conosciute per i caratteristici depositi calcarei, le cascate e le piccole piscine di acqua calda, tutte circondate da una natura rigogliosissima (siamo, infatti, all’interno del “Parco Artistico Naturale Culturale della Val d’Orcia”).

L’acqua termale  sgorga a 48°C e forma un ruscello chiamato Fosso Bianco dove è possibile rilassarsi e godere, oltre che dell’acqua, anche dei fanghi curativi del fondale e in qualunque periodo dell’anno.

Particolarità del luogo è un deposito calcareo molto famoso, la cosiddetta Balena Bianca: un enorme ammasso di calcare bianco che, per la sua imponenza, ricorda, appunto, il profilo di una balena.

Dove dormire a Bagni San Filippo:

Allora diciamo che secondo me non è super necessario dormire proprio a Bagni San Filippo perché ci si arriva molto facilmente da diversi posti della Val d’Orcia o da Bagno Vignoni. Nel piccolo borgo ci sono diversi affittacamere, ma secondo me quando si va in Toscana vale la pena dormire immersi nella natura. Vi metto dei posti che mi piacciono nelle vicinanze.

Giardino Segreto – Borgo Capitano Collection – Albergo diffuso: nel nome della struttura ci sono già tutte le informazioni importanti, ma diciamo che è davvero un’esperienza alloggiare qui. È un albergo diffuso molto curato, ogni ambiente ha la sua anima, le stanze sono accoglienti ma con tocco moderno, c’è anche una buonissima trattoria ed enoteca.

Balena Bianca Terme San Filippo
Terme San Filippo foto Depositphotos

4. Bagno Vignoni

Bagno Vignoni è una frazione del Comune di San Quirico d’Orsola, anch’esso all’interno del Parco della Val d’Orcia, nelle vicinanze della Via Francigena.

Le acque sgorgano a 52°C, infatti sono le più calde di tutta la Toscana, e sono state utilizzate fin dall’epoca romana a scopi termali.

Il complesso termale è davvero unico: la vasca misura 49 metri per 29 e si trova nella piazza centrale in sitle rinascimentale, costruita proprio sopra agli antichi bagni romani.

Una vera e propria piscina, insomma, piena di piacevolissima acqua calda e benefica.

Ci sono, poi dei piccoli canali in cui l’acqua scorre dalla piazza verso i boschi e dove è possibile togliersi le scarpe ed immergere i piedi nell’acqua calda. Molto comodo se non si ha voglia di farsi un vero e proprio bagno.

Seguendo il percorso dei canali si può arrivare al cosiddetto Parco dei Mulini, chiamato così per la presenza di quattro mulini medievali scavati nella roccia: un’opera abbastanza unica nel suo genere perché, sfruttando la perenne acqua della sorgente termale, lavoravano anche d’estate quando gli altri corsi d’acqua, invece, si prosciugavano.
Anche il Parco dei Mulini è liberamente visitabile grazie a un percorso ben tracciato.

Dove dormire a Bagno Vignoni hotel con terme:

Questo è uno dei miei posti preferiti in Toscana e di sicuro le terme che più amo, ci sono stata diverse volte, quindi vi consiglio gli hotel che conosco con le terme interne, che ti garantiscono un soggiorno unico, diciamo hotel destinazione.

Albergo Posta Marcucci: nacque com posta per la zona, un luogo dove le carovane postali potevano dormire per riposarsi, poi la figlia della famiglia Marcucci volle fare dei lavori nel giardino e scavando trovò una sorgente termale. L’hotel è magnifico, mi piacciono moltissimo gli ambienti interni, ti catapultano in un’altra epoca. La Spa è magnifica specialmente la piscina all’aperto, meglio se fatta di notte..

Adler Spa Resort Thermal: semplicemente magnifico, qui il concetto di benessere è all’ennesima potenza, se non trovate posto per dormire, ricordate che potete accedere anche solo alla Spa e a hai trattamenti benessere.

Albergo Le Terme: si trova proprio sulla famosa piazza con la vasca, magnifica struttura in pietra, elegante e raffinata con Bellissima Spa privata.

5. San Casciano dei Bagni

Anche San Casciano dei Bagni si trova nella provincia di Siena e fa parte del circuito dei Borghi più Belli d’Italia.

Si fregia inoltre della Bandiera Arancione: il marchio di qualità turistico-ambientale conferito dal Touring Club Italiano.

E, in effetti, i “numeri” di San Casciano sono notevoli: 42 sorgenti termali ad una temperatura di 40° C.

Oltre alle celebri Terme di San Casciano, esistono anche le piscine termali gratuite, accessibili a tutti, chiamate il Bagno Grande di San Casciano.

Ancora una volta la cornice è molto suggestiva, con le piscine immerse nel verde della campagna circostante.
Anche queste acque sono state utilizzate per scopi benefici fin dall’epoca romana. Le attuali vasche delle terme libere, infatti, sono state realizzate proprio dagli antichi romani.

Anche il Comune stesso di San Casciano merita una visita secondo me. Il centro storico è un piccolo gioiello medievale che si estende attorno al Castello neo-gotico. 

Da vedere anche la principale chiesa del paese, la Collegiata di San Leonardo e il suo Oratorio di Sant’Antonio, risalente al XVI secolo.

Mi raccomando, non dimenticare costume e asciugamano!

Dove dormire a San Casciano ai Bagni:

Il Podere Degli Artisti: podere delizioso sulla cima di una collinetta, poco distante dalle pozze pubbliche. Ha un bellissimo ambiente, e un ottimo ristorante, piscina all’aperto per la stagione estiva.

Fonteverde Lifestyle & Thermal Retreat: posto davvero super esclusivo, sia il giardino che le camere sono elegantissime e la Spa è superlativa, io adoro la loro piscina al coperto.

Villavetrichina: villa super esclusiva nella campagna Toscana, direi che il suo ambiente è creato per accogliere e per far conoscere gli ospiti; la sala con il camino è perfetta per un pomeriggio freddo leggendo un libro con un plaid, piscina all’aperto da sogno; neanche a dirlo c’è un ristorante interno meraviglioso che prepara piatti con prodotti super locali.