Dal 24-26 Novembre 2017 workshop sul Travel Coaching all'Eremito in Umbria

Ora vi dirò un segreto che pochi sanno, correva il 2004 e il mio capo d’allora mi disse “Mia figlia l’ho concepita nella vasca di Bagno Vignoni, è un posto magico ci devi andare” . Io non sapevo neanche dove fosse Bagno Vignoni, mi ricordo che cercai delle foto sul web e vidi che la piazza principale di questo minuscolo paesino era composta da un’enorme vasca termale! C’erano foto anche in notturna con questo vapore caldo che rendeva tutto così misterioso e magico, decisi che ci sarei andata a breve e in coppia. Così meno di un anno dopo ero a Bagno Vignoni con il mio ragazzo dell’epoca e scoprì con mio enorme dispiacere che non si poteva fare il bagno nella vasca in piazza e così non concepii bambini ah ah.

#yogaround

Qualche giorno fa ci sono ritornata, con un approccio molto meno romantico e più egoista: “mi piacciono le terme adoro l’acqua calda e volevo prendermi cura di me stessa!” Perchè le terme in coppia saranno pure romantiche, ma sa soli sono un lusso per l’anima.

Eccomi qui a Bagno Vignoni a passeggiare in una bellissima mattinata assolata di Novembre, per fortuna è infrasettimanale, non c’è praticamente nessuno in giro, il luogo è quasi tutto per me. Lo sapevi che Bagno Vignoni ha solo 36 residenti? Praticamente il mio condominio a Roma ne ha di più!

Queste terme sono presenti dall’epoca degli etruschi e si ha traccia che anche i romani le usassero per rilassarsi. Nell’alternarsi dei secoli questo piccolo paese ha sempre ospitato personaggi illustri che venivano a riposare nell’acque calde, persino Lorenzo dei Medici, ma non si è mai, per fortuna direi, sviluppato troppo.

Nel passato le terme venivano considerato prevalentemente un luogo di cura, certo che chi ci abitava vicino, spesso le usava per lavarsi o per riposarsi dalle fatiche del lavoro, ma questa zona non era esattamente connotata come terma turistica, questa idea venne in mente ad una donna.

Terme di Bagno Vignoni Albergo Posta Marcucci

Terme di Bagno Vignoni Albergo Posta Marcucci

La famiglia Marcucci da sempre aveva la locanda vicino alla vasca romana e si occupava anche del servizio di posta della zona, preparava da mangiare e offriva ospitalità ai viandanti, era un’attività in piedi già dalla fine del 1800.

Nel 1956 la famiglia Marcucci decise di edificare in una proprietà a due passi dalla piazza principale un grande Albergo, il Posta Marcucci, una casa che potesse ospitare famiglie innamorate della Val d’Orcia, 36 camere in modo da poter rimanere sempre intimi e un piano terra composto da piccoli salotti che si succedevano come in una grande casa di campagna, ogni ambiente rimaneva raccolto e con uno stile tutto suo.

Terme di Bagno Vignoni Albergo Posta Marcucci

Nel 1970 durante dei lavori nel giardino principale, sgorgò naturalmente una sorgente termale calda, simile a quella della piazza principale ed è lì che la Signorina Marcucci, la figlia dei proprietari, decidse di far edificare due grandi vasche e di trasformare il soggiorno dei loro ospiti in un soggiorno termale benessere.

Negli anni successivi l’hotel ha mantenuto lo stesso stile d’altri tempi e lo stesso calore delle dimore vecchio stampo, aggiornando continuamente i servizi e integrando le due grandi vasche termali con altri servizi spa.

Il centro benessere infatti oltre ad offrire tantissimi tipi di trattamenti ha un bagno turco, una sauna, una sauna biosalina, vasca idromassaggio ed una bellissima sala relax con vista della campagna toscana. L’hotel si prende cura degli ospiti dal primo momento, infatti in camera trovate una borsetta di tela con tutto il necessario per godersi la spa: telo, asciugamani, ciabatte, accappatoio e se non avete una cuffia per le vasche termali ve ne daranno una loro.

Io ho utilizzato il centro benessere di sera dopo il tramonto e devo dire che il valore aggiunto è stato nuotare nelle piscine a 40 gradi di notte mentre fuori è freddo! Stupendo! C’era pochissima gente, avevo tutte le lucine dei paesi in lontananza, il vento sulla faccia e questo tempore accogliente intorno a me. Da una cascata di travertino sorge l’acqua termale a 42 gradi, mi sono messa sotto il getto caldo per tantissimo tempo. L’acqua calda ha il potere di calmarmi, è come se mi rilassassi ad un livello profondissimo, si dice che ci riporti a vivere una sensazione intra uterina, è possibile, non lo so, so solo che per me ha un effetto ipnotico.

Terme di Bagno Vignoni Albergo Posta Marcucci

Una cosa davvero simpatica del Albergo Posta Marcucci è il bar verde, un tipico bar all’italiana anni ’70 con il bancone in legno e il barista che sa già qual è il tuo drink preferito dopo due giorni e cosa carinissima, qui hanno una grandissima collezione di dischi in vinile con un giradischi e sei tu a scegliere che musica ascoltare mentre sorseggi un Vermut!

Io non amo gli hotel molto grandi, quelli dove sei un numero della camera, mi piacciono le situazioni più intime e quello che mi ha visibilmente colpito è stata la gentilezza e disponibilità del personale dell’albergo. Sono tutti molto affezionati alla struttura, alla loro storia, alla loro unicità, non perdono occasione per farti notare un particolare, per sottolineare una piccola attenzione e infatti, chiacchierando nella sauna con altri ospiti, mi sono resa conto che ci sono tantissimi habitué, c’era una signora che ci viene ogni anno dal 1982! (finalmente una più grande di me!) Mi continuava a dire “questa è una terma vera capisci? non è acqua riscaldata e poi ti senti sempre a casa!” In effetti aveva ragione. Per rafforzare questa tesi, vi svelo un altro segreto, sperando che mia madre non legga questo post (perchè mi “cazzia” sempre). La mattina sono andata in giardino a fare yoga e quando sono tornata avevano rifatto la stanza anche se dovevo fare check out, diciamo che io sono leggermente distratta e non mi sono accorta che mi avevano messo il pigiama sotto il cuscino, così ce l’ho lasciato e quando due giorni dopo ho chiamato per farmelo spedire, il signore che mi ha risposto al telefono, mi ha riconosciuto subito e mi ha detto che già me lo aveva messo da parte e aveva verificato il mio indirizzo di spedizione! Che dire, molto molto più organizzati di me!

Terme di Bagno Vignoni Albergo Posta Marcucci

Cosa fare vicino Bagno Vignoni:

Ovviamente visitare San Quirico d’Orcia, anche perchè Bagno Vignoni ne è una frazione, ma io vi suggerisco anche di vedere i Parco Naturale dei Mulini, molto vicino alla piazza si trovano 4 mulini di origine medioevale scavati nella roccia che furono molto importanti per questo paesino perchè, grazie alla sorgente naturale,  garantivano il funzionamento anche in estate quando tutti gli altri mulini erano bloccati per il prosciugamento degli altri fiumi.

Bagni San Filippo, un luogo stupendo a meno di 20 minuti, la chiamano la Balena Bianca, è un’enormre montagna di sale e calcare, appunto di colore bianco, simile a Pamukkale in Turchia, ma piccolina. La cosa bella è che nelle pozze a monte ci si può bagnare tranquillamente anche in inverno perchè la temperatura è circa sui 40 gradi e c’è davvero poca gente rispetto alle Terme di Saturnia.

Santa Fiora: hai presente quegli incontri casuali che poi ti aprono un mondo? Ecco stavo cercando un posto dove pranzare e ovviamente ero in ritardo, così vedo un’indicazione “Santa Fiora fa parte dei Borghi più belli d’Italia” così mi dico, ottimo vado lì e scatto due foto. Sempre per caso trovo un ristorante che, segnatevi subito questo nome, si chiama il Barilotto, uno dei posti più buoni da sempre, la signora fa delle cose che tu solo per quello ti sposeresti il figlio, perchè sarebbe l’unica volta che “domenica siamo a pranzo da mamma” non continuerebbe con gli occhi rivolti verso il cielo, ma con un bel sorriso e acquolina in bocca. Oltre che mangiare Santa Fiora vale la pena perchè anche lei ha una vasca con una sorgente, anche se non termale e da un piccolo vicoletto si vede questa meravigliosa vista che trovate qui sotto, che davvero non saprei come descrivervi a parole.

Monte Amiata: ci sono decine di percorsi da fare a piedi in bicicletta o a cavallo a meno di mezz ora da Bagno Vignoni e il Monte Amiata ti regala dei paesaggi e degli scenari meravigliosi in ogni stagione.

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.