Il delta dell Ebro in kayak e bicicletta

Tarragona, quando vivevo in Spagna era l’ultima fermata dei treni che annunciavano alla stazione o il luogo dove facevano i calcots. Non sapete cosa sono i calcots? Dei porri dolciastri, a Tarragona si fanno alla brace e si servono con una crema di romero, si servono solo verso marzo- aprile – maggio, buonissimi, li adoro, ma torniamo a noi..

Oltre il cibo, la provincia di Tarragona è famosa per il delta dell’Ebro, si esatto, lui, il fiume che trovavate nelle vostre versioni di latino se avete fatto il liceo classico (che brutti ricordi!). L’Ebro è il fiume più lungo di Spagna, ma una dei suoi tratti più spettacolari lo raggiunge proprio in Catalunya.

Se dovessi dividere il fiume per le esperienze che ho vissuto in prima persona direi che ci sono 3 momenti importanti:

1. La Palude

La zona compresa nella Riserva Naturale di Sebes è il paradiso per gli amanti del birdwatching. È uno dei posti più spettacolari per osservare gli uccelli in Europa. Io onestamente non sono un’esperta di uccelli, però mi ha dato una sensazione di pace infinita e già solo per quello mi è piaciuto. Ogni percorso è tracciato da passerelle di legno il che li rende accessibili anche a persone portatori di handicap e persone anziane con problemi di mobilità, praticamente puoi fare lunghe camminate nella natura selavvia, ma mettendo sempre i piedi in un posto sicuro.

Riserva Naturale di Sebes

Riserva Naturale di Sebes

Per permettere ai birdwatcher di osservare gli uccelli senza spaventarli ci sono diverse casette di legno con delle ampie finestre, ognuno piò sedersi e puntare il proprio cannocchiale ed aspettare, io la chiamo meditazione loro ricerca degli uccelli, ma ad ogni modo è rilassate e ti mette in sintonia con la natura.

Riserva Naturale di Sebes

Riserva Naturale di Sebes

2. La Via Verde

Come mi disse un anno fa Paolo di Bike Italia, per fare cicloturismo non necessariamente bisogna essere allenati, ad esempio i fiumi sono sempre in discesa. Diciamo che l’ho proprio preso alla lettera. In Spagna ci sono più di 2000km di ferrovia che nel ’93 sono stati convertiti in sentieri da poter percorrere a piedi in bicicletta o a cavallo, questi sentieri si chiamano appunto Via Verde, la maggior parte costeggia l’Ebro.

Cycling along the Via Verde , my favourite way to relax in #terresdelebre #tbex #incostabrava #catalunyaexperience

Una foto pubblicata da Francesca (@francydipi) in data:

I sentieri sono tutti indicati, il manto è manutenuto, quindi sono facili da percorrere e molte case cantoniere sono state trasformate in locande, ristoranti o campeggi. Io ho percorso in bicicletta il tratto che va da Horta de San Juan a Benifallet circa 25km. Le biciclette si affittano un po’ ovunque lungo la via verde, quella che avevo io era senza marce e un po’ vecchia, ma considerando che la strada è sempre in discesa, direi che le marce non servono a molto. Ricordatevi di farvi mettere una torcia sulla bici perchè ci sono spesso delle lunghe gallerie. Quasi tutte le gallerie hanno le luci sempre accese o in alcune c’è l’accezione con le fotocellule, ma dato che possono essere molto lunghe il timer potrebbe spegnersi prima che voi abbiate finito di attraversarla tutta e che non si riattivi immediatamente, ergo, la torcia è importante.

Il paesaggio è meraviglioso, alterna uliveti con vigne a terrazze e quando meno te lo aspetti arriva il rumore di un ruscello a svegliarti dal sogno. Tra una pedalata e l’altra non dimenticatevi di fermarvi a pranzo in una casa cantoniera; io sono andata proprio al Estaciò de Benifallet, c’è una bella atmosfera, qualcuno campeggia, qualcuno si riposa, io mangiavo! Fanno le verdure grigliate più buone di sempre, sembrerà un piatto stupido, ma non la smettevo più di mangiare, credo le griglino sul carbone!

Le vigne della Valle del Ebro! #terresdelebre #incostabrava #catalunyaexperience #tbex

Una foto pubblicata da Francesca (@francydipi) in data:

3. Kayak sull Ebro

Un’altro modo per esplorare il delta è farlo dall’acqua, muovendosi in kayak, ci sono tantissimi punti da dove partire, io vi consiglio di fare gli ultimi 10 o 15 km che vi separano da Tortosa, perchè c’è l’happy ending.. vi spiego dopo.

È un percorso di kayak abbastanza facile, c’è poca corrente, non ci sono rapide, in alcuni punti conviene seguire la forza del fiume così andiamo più veloce. Incontrerete un sacco di gente che pescano sulla riva o in piccole barchette, a volte prendono dei pesci talmente grandi da spaventare. Ovviamente il tragitto si fa con una guida, chiedetegli di fare delle piccole deviazioni nelle spiaggette o lagune circostanti, in alcuni punti la profondità del fiume diminuisce di colpo, ma sarà molto più facile osservare gli uccelli.

Kayak sul delta del Ebro

Kayak sul delta del Ebro

Io ho percorso l’Ebro in kayak in tardo pomeriggio, e dato lo spettacolo nel quale mi sono ritrovata ve lo consiglio vivamente: arrivare a Tortosa al tramonto con la luce che riflette sulle sue pietre gialle. Prima di venire in questa zona della Catalunya non conoscevo neanche l’esistenza di Tortorsa e ammetto che è la città che mi è piaciuta di più del delta, ha tantissima storia e un’architettura rinascimentale meravigliosa. È fatta quasi interamente di pietre, ha dei grandi muri che la circondano e venendo dal fiume lo spettacolo è stupendo, una sorpresa mozzafiato, se non fosse per una statua franchista nel mezzo dell’acqua ti sembrerebbe di essere catapultato all’epoca dei Re Cattolici.

Kayak sul delta del Ebro

Kayak sul delta del Ebro

Consiglio pratico: prevedete una volta finito il kayak di andare subito in hotel perchè sarete zuppi fino alle mutande.. e fa freddo con il calar del sole.

Tortosa in Kayak

Tortosa vista dal kayak

Consigli per gli alloggi:

Nella zona di Horta de San Juan, vi consiglio la casa rurale Mas del Cigarrer, ha una vista sulla valle mozzafiato, un lato della casa completamente di vetro e la signora cucina benissimo!

Per Tortosa la soluzione che preferisco e scegliere una casa in affitto su Wimdu e viversi il tempo a modo proprio, vi suggerisco una con uno spazio all’esterno perchè il clima, io ci sono stata a Maggio, è davvero invitante.

Il delta dell'Ebro

La vista sull’Ebro

 

Vista di Horta de San Juan

Vista di Horta de San Juan

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 75 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo. Ho pubblicato: Il Bello di Viaggiare da Soli: guida al travel coaching per ottenere il massimo da noi stessi edito Feltrinelli.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.