Uno dei MUST della riviera Maya, che ho scoperto solo perché me lo hanno consigliato dei messicani è Bacalar, anche nota come la Laguna dai sette colori perché nelle sue acque ci sono 7 varietà di verde. Mi prendo tutta la responsabilità se non vi piace, il posto è un sogno, quasi un paradiso soprattutto in questi anni in cui il Caribe è invaso dalla piaga del sargaso, ossia delle alghe infestanti che rendono l’acqua marrone. È un lago enorme con sabbia bianca finissima, acqua calda come i Caraibi ossia 30°, turchese, calma con mangrovie tutto intorno.

Cosa fare nella Laguna Bacalar:

Nella laguna si può nuotare comodamente, sia di notte che di giorno, in molti punti c’è abbastanza piede, quindi si tocca per molto tempo.

Ci sono diversi punti, tra cui il campeggio Magic, in cui è possibile affittare un kayak o una tavola da SUP, o da windsurf, per ora o per giornata.

In tutta la laguna si vendono diverse escursioni in barca a motore, vi sconsiglio di prenotarle perché inquinano tantissimo l’acqua della laguna.

Il Camping Magic da quasi 20 anni ha la prima ed unica scuola di vela in laguna, ma se non avete voglia di imparare a veleggiare, potete anche solo fare un’escursione in catamarano con loro, si parte da un minimo di 3 persone, quindi decisamente privato. I ragazzi del Magic fanno un sacco di itinerari, i periodi migliori sono la mattina presto o al tramonto, perché c’è più vento, ma hanno anche escursioni di 6 ore con pranzo a base di ceviche. In barca a vela oltre che il giro della laguna  è anche possibile andare a visitare dei cenotes che si trovano al lato della laguna.

Visitare l’isola degli uccelli, io ci sono sempre arrivata in kayak, si trova nel lato pieno di mangrovie, è una zona dove la sabbia diventa più fangosa, infatti molte persone la usano come cura di bellezza e ci sono dei resti un ristorante che sono stati ricoperti di murale, moltissime persone si recano qui durante il giorno per fare tuffi e improvvisare feste con la musica.

È possibile visitare dei siti archeologici maya, visitabili in giornata, i più vicini sono Chacchoben e Kohunlich, Kinichnà, Dzibanché,  ci sono molti complessi cerimoniali, piramidi, e resti di costruzioni dedicate alla vita comune, inoltre sono siti molto poco visitati quindi avrete la bellissima sensazione di trovarvi nella giungla tra le rovine.

La zona di mare più vicina, se ne sentite l’esigenza è Calderitas una spiaggia bellissima, quando è senza alghe, a solo 8km da Chetumal.

Il paesino di Bacalar è molto piccolo, ruota tutto intorno alla piazza principale, anche se devo dire che negli ultimi anni si è sviluppato parecchio. Vi consiglio di visitare il Forte e di scoprire la storia legata a questo luogo, la Casa della Cultura , la Casa del Libro che da anni ha un progetto davvero singolare, ossia se sottoponi alla loro attenzione un progetto editoriale con tema Bacalar, loro ti forniscono ospitalità gratuita nel paese per poterlo scrivere. Se vi posso consigliare un libro che parla anche di questo luogo meraviglioso è Mahahual del mio amatissimo Pino Cacucci, ho scoperto molte storie legate ai pirati in questo forte, che davvero ignoravo.

io nel Forte di Bacalar

Dove dormire a Bacalar:

Io ho alloggiato due volte al Camping Magic gestito da un veneziano che ha anche 2 posadas a Playa del Carmen, mi sono trovata benissimo, ha solo due grandi camerate una in riva al lago e una nel giardino, quella in riva al lago è molto meglio perché è tutta aperta quindi non fa molto caldo, ovviamente ci sono zanzariere ovunque, i letti sono comodissimi e pulita, non costa pochissimo circa 20$ a letto, i bagni sono in comune e ottima colazione compresa nel prezzo. Si può dormire anche in tenda, sia se ne hai una di tua proprietà che affittandola, ce ne sono di ogni dimensione. Adesso hanno anche costruito una stanza privata sopra la grande camerata, anche se comunque la privacy non è delle migliori. Visto che ne ho parlato tanto, forse vi stavate chiedendo se questo articolo possa in qualche modo essere sponsorizzato da loro e la risposta è assolutamente no. L’ultima volta che sono stata a Bacalar avevo prenotato in un altra struttura (che non vi consigli) di standard più elevato, ma una volta arrivata non mi è piaciuta l’atmosfera e sono tornata al Magic e ho preso una tenda. Secondo me essere proprio su una spiaggia che da sulla laguna fa la differenza. Poi inutile dire che trovo molto comodo il fatto che offra l’affitto di kayak, tavole, gite in barca a vela, se volete fare il percorso a vela assicuratevi che non parta mai dopo le 15 altrimenti tornerete nel buio più profondo. Fatevi un bagno di notte con la luna che si riflette sul lago e pensatemi è stato uno dei momenti più felici della mia vita.

Hostel Magic Bacalar

Kulu Tubohostel: questo luogo è veramente particolare, le camere sono praticamente dei grandi tubi con affaccio sulla piscina, ovviamente hanno solo la forma del tubo, le dimensioni sono normali.

Casa Lamat: questa struttura ha un accesso alla spiaggia privata, una mini spa e una struttura molto ecologica, tetti di paglia e amache.

The Yak Lake House: questo ostello è davvero nuovissimo e super tecnologico, come qualità degli interni vale sicuramente la pena, la zona che da sulla laguna non è delle migliori perché è vicino alle mangrovie e quindi non di facile accesso.

Hotel Aires Bacalar: questa struttura è davvero molto bella, elegante, in stile molto eco-friendly,  è uno degli hotel che sta vendendo di più a Bacalar, ma non ha l’accesso diretto alla laguna, se questo per voi non è un problema, è un’ottima scelta.

Se volete una accomodation più curata e meno spartana l’hotel Akalki ha cabañas sull’acqua e una spa molto bella.

Si può raggiungere Bacalar da Tulum o da Chetumal, molto facilmente via bus, ma controllate prima gli orari perché non ci sono a tutte le ore o altrimenti utilizzate come piace a me, il taxi colectivo!

Dove Mangiare a Bacalar:

La Playita: sicuramente questo è il posto più alla moda e più affollato, sia di giorno, perché puoi fare anche un tuffo in laguna, sia la sera. È davvero sempre pieno.

Finisterre Bacalar: è un locale che fa cucina mediterranea, ha uno stile un po’ newyorkese, tutto sviluppato in una terrazza esterna, sicuramente un posto di classe e più caro della media.

Pues Si: è un locale molto frequentato che ha una cucina sia messicana che soprattutto di pizza e pasta, è gestito da proprietari argentini molto simpatici.

Pizzeria Bertilla: questo è uno dei ristoranti più famosi, gestito da italiani, è stato uno dei primi ad aprire in zona, la cucina a mio parere è sulla sufficienza, ma se avete un’imminente voglia di pasta è sicuramente il posto giusto.

La Sirena Bishi: questo locale è una mezcaleria e ristorante di pesce, è famoso per i cocktail e per le decine di mezcal da degustare.

Laguna di Bacalar Messico

Laguna di Bacalar Messico

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.