Quanto vale la paura?

Recentemente una persona mi ha detto che è disposto a perdere la cosa più importante della sua vita perchè si sente bloccato dalla paura. La paura lo terrorizza a tal punto da preferire di perdere in partenza, non provandoci proprio! Così ci ho pensato tutta la notte.

Vi è mai capitato di avere fortemente paura di qualcosa? Come avete reagito? Siete vittime o gladiatori?

Abbraccia le tue paure

Questa volta mi espongo, parlo di me! Io ho sempre avuto due grandi paure, i ladri e gli squali. Diciamo che con i ladri ho brutte esperienze di cui l’ultima culminante in cui sono entrati nella mia camera da letto di notte, per rubarmi i gioielli ed ovviamente io ero nel letto! Un po’ come un incubo che diventa realtà, dopo tutta un infanzia in cui ho dormito con la luce accesa, sono veramente entrati in camera mia di notte! Inutile dire che impatto ha avuto su di me! ero terrorizzata dal fare tutto! Per un certo periodo ho cercato di non dormire più da sola, poi per causa di forza maggiore ho dovuto trovare una soluzione alternativa. Ho cercato di sentirmi sicura, ho messo i fermi a tutte le finestre o preso l’abitudine di controllare che tutto fosse chiuso, mi sono messa il telefono sul comodino e ho ripreso il mio peluche che ora dorme sempre con me. Gesti infantili? Forse. Funzionali? molto! Fatto sta che ora vivo da sola, come sempre, e faccio sogni tranquillissimi! Stessa cosa con gli squali. So che quasi tutti hanno paura degli squali, ma forse non proprio a tutti capita di vederli. Mentre ero alle Galapagos, siamo andati in un posto famosissimo per osservare gli squali, tutti rimangono estasiati da quella visione e ogni guida conferma che sono assolutamente innocui. Io avevo 39 di febbre e davvero nessuna smania di essere a stretto giro con un gigante del mare, ma tutti i viaggiatori che incontravo mi dicevano che era un’esperienza pazzesca e io mi fidavo di loro. Quindi ho pensato che l’alternativa era tra vivermi questa esperienza magica e forse irripetibile o rimanere sulla barca abbracciata alle mie paure ed immobile.

Di cosa hai paura?

Dopo due minuti di riflessione mi sono messa la muta, mi sono abbracciata ad un mio amico francese e son andata con lui per mare, c’erano circa 30 squali sotto di me, non grandissimi, ma sempre squali (circa 2 metri). All’inizio ho urlato, poi ho visto che non mi consideravano proprio, erano assolutamente paciosi e rilassati a casa loro e la mia paura è svanita in un secondo e per sempre.

Tutto questo preambolo autocelebrativo per dire che io ho sempre pensato a quale fosse il rovescio della medaglia, ovvero a cosa sarebbe successo se fossi rimasta bloccata dalle mie paure.

Quando si ha paura di qualcosa vuol dire che c’è uno scenario che non vogliamo che si verifichi, ma la stessa azione può portarci anche ad uno scenario bellissimo, restando bloccati dalla paura è solo sicuro che non si presenti quello bellissimo, insomma perdiamo in partenza.

Sei vittima o Gladiatore?

Ricevo molte email di ragazzi che vorrebbero tanto viaggiare e che non trovano compagni di viaggio, ma hanno così pura di viaggiare da soli che scelgono di rimanere a casa! Questa è una cosa che mi rattrista molto, praticamente scegli di castrarti da solo perchè hai paura che vada male. Ma potrebbe anche andare bene! Secondo me la strategia giusta è avere il piano B, magari prevedere un biglietto con possibilità di cambio data così se va male ritorni, ma almeno puoi dire di averci provato. Provarci è fallire è umano e anche molto coraggioso, ti insegna tanto e magari ti evita di fare errori in futuro, non provarci neanche per paura di fallire è….da codardi (scusate l’ho detto) ! Solo alla morte non c’è rimedio al resto si; provateci, affrontate le vostre paure, male che vada sei al punto di partenza. Molti mi chiedono se prima di partire da sola, magari per mesi, non ho paura! Ceto che ce l’ho, e non solo, i giorni prima sono anche un po’ isterica e la notte non dormo, ma non è certo questo che manda a monte il mio sogno! Basta essere sicuri di avere le cose importanti: passaporto, carta di credito, iPhone, assicurazione medica, il resto è vita!

L’eroe non è quello che prima della battaglia non ha paura è quello che combatte lo stesso!

4 comments on “Quanto vale la paura?
  1. …. SE QUALCHE VOLTA TI VA’ DI VIAGGIARE IN COMPAGNIA FAMMELO SAPERE, SONO UN GEOLOGO E COME A TE PIACE STUDIARE LE PERSONALITA’ DEI VIAGGIATORI A ME PIACE PORTARMI A CASA “QUALCHE” PIETRUZZA. PENSA CHE A SAN DIEGO, ALL’APERTURA DELLA VALIGIA PERCHE’ PESAVA OLTRE IL CONSENTITO, AL CHECK-IN DOVEVO SCEGLIERE: A) GETTAR VIA I LIBRI; B) GETTAR VIA LE PIETRE. COSA HO FATTO ? SEMPLICE: MA CHE ME NE FACEVO DEI LIBRI…;-) QUANDO LE MIE NIPOTI VENGONO A CASA MIA NEANCHE MI SALUTANO: “ZIOOOOOOOO, POSSO VEDERE LA PIETRA DEL CASTELLO DI DRACULA?????” AH SE LO SAPESSERO LE AUTORITA’ RUMENE CHE HO STRAPPATO UN “PEZZETTO” DEL CASTELULU DEL CONTE VLAD (ALIAS CONTE DRACULA) A BRAN IN ROMANIA. MA COMUNQUE, SE VOGLIONO LO RIPORTO INDIETRO. E A CARACAS ……… NON MI CI FARE PENSARE (IHIHIHIHIHIHIHIHI). E POI TU SEI “DI PIETRO” A ME PIACCIONE LA “PIETRE” , PENSO CHE POTREMMO ANDARE D’ACCORDO PER LA MIA PROPOSTA INIZIALE. CIAO FRANCESCA

  2. Ciao Francesca! Arrivo sul tuo sito a poco più di una settimana dalla mia partenza in solitaria per l’Argentina…si tratterà solo di un mese ma è la mia prima volta oltreoceano da sola e sono molto emozionata…e ovviamente ho paura! Ecco perché commento sotto questo tuo articolo :-). Ho già letto il tuo articolo riguardante il viaggio in Argentina ovviamente!
    Una domanda: io ho un’assicurazione medica di viaggio che mi garantisce la banca stessa (solo per il fatto di aver comprato il biglietto con la mia carta di credito). Quali sono secondo te i punti e i massimali imprescindibili in un’assicurazione di viaggio? Grazie!
    Alice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *