Nella mia vita ho iniziato a fare trekking a 25 anni, spinta da un mio grande compagno di viaggio del passato, avevo sempre pensato che non fosse per me, che io ero più una da musei, da chiese, non da camminate in montagna. Ho iniziato con uno davvero tosto! Ho scalato il Kilimangiaro, non tutto, ma quanto basta per essere esausti. Ero inesperta, avevo sbagliato abbigliamento, le mie scarpe erano pesanti, il mio zaino scomodo, ma qualcosa ha iniziato ad affascinarmi. Nove ore di cammino, un paesaggio che va dalla giungla alla tundra alla pietraia, una temperatura che varia continuamente e una continua sfida con le mie gambe. Una volta arrivata alla base, ero distrutta ma avrei tanto avere un sacco a pelo e continuare a salire fino alla cima.

Così da quel momento ho sempre cercato un trekking in ogni viaggio che ho fatto, incrementando sempre di più la difficoltà, chiedendo sempre di più a me stessa. Poi ho iniziato a riflettere, a quello che vuol dire, a quello che mi piace del trekking, a quello che soprattutto ti lascia detro.

Il trekking è la perfetta metafora della sfida:

  • Hai un cammino, una strategia che conosci prima d partire, sai quali possono essere le difficoltà, studi il tempo per prepararti agli inconvenienti,
  • Prepari l’attrezzatura: l’abbigliamento è tutto, ci vuole quello del peso giusto, traspirante, bisogna essere preparati al freddo all’umidita notturna agli insetti, quindi studiare bene il territorio. Prevedee uno o più ricambi , per essere sicuri di restare asciutti non puliti, poi devi pensare alla tenda, al sacco a pelo o all amaca, al cibo e all’acqua.
  • l’azione: il trekking , devi mantenere il passo che ti sei prefissato per raggiungere gli accmapamento prima che faccia notte, nella vita cittadina non siamo abituati ad organizzare la nostra vita basandoci sul sole, l’abbiamo dimenticato. Quando si parte per un escursione è come se si tornasse alle origini, riapprendiamo a modulare il nostro corpo rispetto al sole e alle stelle, già perché quando cammini alle 9 massimo sei letto.
  • In ogni trekking, come in ogni progetto della vita c’è un ostacolo inaspettato, la pioggia, il freddo, il fango sul sentiero, i fiumi in piena e tornare indietro sarebbe la concretizzazione del fallimento, quindi si va sempre avanti, si stringono i denti. Si fanno cose che magari ci spaventano perché è la prima volta, ma si raggiunge l’obiettivo, perché questo è uno dei pochi casi della vita in cui l’ obiettivo è tangibile e il nostro impegno meritocratico. Raggiungere una vetta, una città nascosta, ti rende fiero di te, da un valore reale, tangibile al tuo sforzo, questo aumenta la propria autostima soprattutto nel medio periodo, quando la consapevolezza del obbiettivo raggiunto diventa metro di paragone per le sfide future.

Questo dato l’ho sperimentato sulla mia pelle, come su quella dei viaggiatori con cui ho condiviso la strada o che ho intervistato per questo sito, più trekking fai più mattoncini metti dentro di te, nella costruzione dell’idea che abbiamo di noi stessi, della consapevolezza degli sforzi che possiamo sopportare, e non solo sul piano fisico, ma su quello della vita in senso ampio.

Io alla fine dei miei 5 giorni di trekking in Colombia

Io alla fine dei miei 5 giorni di trekking in Colombia

Consigli pratici per come affrontare un trekking:

  • Arriva riposato: il giorno prima di partire non fare tardi e non bere alcolici;
  • Porta con te sempre molta acqua, specialmente in luoghi umidi e sali minerali o frutta secca;
  • Compra delle scarpe da trekking molto leggere e di buona qualità a, controlla che la suola sia anti scivolo, meglio quelle con la caviglia alta;
  • Segui il tuo passo: non ti preoccupare se gli altri vanno più veloci o più lenti, ognuno ha il passo adatto al proprio corpo, bisogna ascoltare solo quello, una volta all’accampamento ci sarà tempo per chiacchierare con gli altri.
  • Non sottovalutare mai la natura e le condizioni meteorologiche, loro vincono sempre, sono più forti, vanno rispettate e ascoltate;
  • Prevedi le soste prima di partire, come delle milestone, altrimenti non avrai il controllo del tempo e potresti fare troppo tardi.
Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.