Il mio obiettivo principale del mio viaggio in Indonesia, era prendere il brevetto per le immersioni, il PADI anche se poi ho preso l’SSI, ma è uguale.
Prima di scegliere dove prenderlo ho consultato diverse persone, divers esperti, amici che vivono in Asia; di sicuro l’Indonesia ha alcuni degli spot più belli del mondo, ma nn tutti sono facili per cominciare questa disciplina.
Il diving nn è direttamente proporzionale con quanto tu sia capace a nuotare, io mi alleno in piscina 4 volte alla settimana, ma la prima volta che ho messo un respiratore in bocca tremavo!

Bisogna imparare a disimparare.

Nuotando si impara a ritmare il proprio respiro con le bracciate, si sa quanta è la propria resistenza, quanto possiamo spingerci sotto sforzo, quanto riusciamo a nuotare in apnea, se facciamo delle gare la sfida è alta, ma se nuotiamo per diletto è rassicurante sapere che se per caso nn ce la facciamo più basta fermarsi e respirare!
Sott’acqua no!
Abbiamo passato tutta la vita sapendo che sott’acqua nn si respira e abituato il nostro corpo a non farlo, poi scopriamo che con un respiratore in bocca possiamo respirare continuamente anzi, dobbiamo farlo, senza mai perdere il ritmo. Sembra banale ma nn lo è, all’inizio ti viene voglia di trattenere il respiro, di salire in superficie e respirare a pieni polmoni, ti viene sete.. Basta abituarsi e soprattutto basta avere dei bravi insegnanti.

Il mio team perfetto!

Il mio team perfetto!

Perché prendere il brevetto di immersioni a Gili Air?

Le isole Gili sono un paradiso assoluto, Gili Travangan si è rovinata, è piena di ragazzini australiani, tutte le strutture sono super occidentali, per colazione fanno il brownie, è cara, insomma a me nn piace proprio! Le altre due sono l’immaginario di isola tropicale, bicicletta, carretti con i cavalli, niente luce per le strade, acqua fredda, pochi ristoranti sulla spiaggia, tramonti mozzafiato e tutti che conoscono tutti, tempo 6h e li chiami per nome! Per quanto riguarda il mare in questa fascia costiera è molto protetto, ci sono poche correnti, il tempo è quasi sempre bello quindi c’è sempre sole, visibilità ottima. Dato che le isole sono in uno stretto tra Bali e Lombok i pesci si raggruppano per mangiare, qui di potete vedere dalle tartarughe agli squali martello…  se siete fortunati.
Le isole sono vicinissima l’una all’altra quindi farete immersioni facilmente in tutte e tre le Gili.

Io e Arnan, il mio super istruttore!

Io e Arnan, il mio super istruttore!

Io ho scelto Gili Air Divers.

Fare immersioni è un conto imparare a farle è un altro.
Assodato che tutti gli istruttori del mondo sono bravi, perchè il brevetto è internazionale, quello che va la differenza, come sempre del resto, sono le persone!
Ho contattato varie scuole di diving dall’Italia e le risposte di Bibi sono state le più accoglienti, quindi ho scelto loro, lunghe email, scambi di telefoni e poi eccomi qui!
Arrivo a Gili Air in tardo pomeriggio, prendo una bici pedalo fino alla loro base, mi accoglie Adnan un ragazzo turco di 1.92, pantaloni thailandesi, carnagione scura occhi caldi color nocciola, non so come spiegare ma aveva una maniera di parlare accogliente, come se ti abbracciasse con le parole, mi ha detto ” Ciao Francesca, ti aspettavamo, sarò il tuo insegnante” li ho capito che il brevetto l’avrei preso sicuro e che la mia paura di stare sott acqua senza “aria” (dovuta a motivi molto brutti personali) l’avrei potute superare una volta per tutte.
Le cose poi sono andate meglio di quanto pensassi, il giorno dopo ho incontrato David il mio dive buddy, un italo inglese che sta studiando per diventare dive master, mi ha seguito in tutto il corso e rispiegato tutte le cose che non avevo capito bene! Prendere il brevetto nn è solo fisico, bisogna anche studiare, a dire il vero nn pensavo fosse necessario studiare tutte queste cose, ma considerando che l’open water course si fa in 3 o 4 giorni, vieni talmente catapultato in una dimensione nuova che impari più facilmente. Teoria, lezioni, pratica! Un loop senza fine, molto funzionale!

I got it! My SSI!

I got it! My SSI!

Sott’acqua dobbiamo sperimentatrici da zero, come se nn ci conoscessimo, come se il nostro corpo fosse nuovo, i nostri limiti terrestri non sono gli stessi di quelli subacquei, quanti km corri in un ora? È quanto riesci a nuotare contro corrente sott’acqua? .. non è proprio la stessa cosa..
Umiltà, affidamento a qualcuno di più esperto, piano piano, senza ansia… in una parola: respira !
È incredibile quanto velocemente si possano apprendere delle abilità, che in solo 3 giorni sei in grado di immergerti a 18m, toglierli la maschera e svuotar la sott’acqua, fare una salita d’emergenza e cose varie. Forse più del mondo sommerso, durante questo corso mi è piaciuto il mondo sociale, la scuola Gili Air Divers è fatta d a tutti ragazzi giovani, molto socievoli, c’è un ambiente rilassato e accogliente al tempo stesso, per chi viaggia da solo è molto importante trovare un nucleo in loco quanto investì il tuo tempo in qualcosa di nuovo. A parte il fatto che ogni istruttore aveva insegnato in moltissime altre parti del mondo e quindi hanno tutti una conoscenza del mare molto approfondita, parlando con gli altri alunni, per la maggior parte francesi, tutti gli insegnanti sembrano avere il dono contagioso della tranquillità!

Il Centro Gili Air Divers offre tantissimi corsi, specialistici ed avanzati ed in più ha anche corsi di free diving, che comunemente dalle nostre parti viene chiamato “apnea”.

Mentre ero nel centro a studiare, ho sentito dire che per fare il free diving c’è bisogno di una grande concentrazione e rilassamento, una sorta di meditazione sott’acqua, ovviamente mi sono incuriosita e ne ho parlato con l’istruttore.

Nel suo corso di free diving lui ti porta ad un tale livello di rilassamento che il tuo corpo sopporta l’eccesso di anidiride carbonica nel corpo, in tre giorni ti porta a scendere fino a 20 metri in apnea, siamo stati ore a parlare sui requisiti “mentali” e quanto puoi spingere il tuo corpo oltre i limiti, ma credo che per adesso mi limiterò allo scuba diving e ritornerò al Gili Air Divers prestissimo.

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.