Come visitare il Blyde River Canyon – Sudafrica

La maggior parte delle persone che scelgono di visitare la parte nord est del Sudafrica, ossia quella che tocca il Kruger, si ritagliano almeno una giornata al Blyde River Canyon, personalmente ritengo che se siete amanti dello sport all’aria aperta e del trekking vale la pena restare qualche giorno in più e viversi le cose con più calma.

Il modo migliore per esplorare questa zona di Sudafrica è affittare una macchina, personalmente consiglio un 4×4 perchè anche se le strade principali sono asfaltate, molto spesso ci si spinge nelle riserve o in percorsi secondari e si possono trovare buche o pozze, peggio ancora se trovate la pioggia.

Il Blyde River Canyon, oltre ad essere il terzo più lungo del mondo ha un’importanza storica molto forte per il Sudafrica, durante le guerre tra boeri e inglesi, quando ci fu la grande marcia con i carri in questa zona si combattè una battaglia davvero molto sanguinosa, per questo motivo il fiume fu soprannominato Blood river, perchè si narra scorresse moltissimo sangue, e con il tempo il nome si è trasformato in Blyde River.

Il mio consiglio è di iniziare ad esplorare il Blyde River dal basso ossia dalle cittadine di Graskop o di Sabie perchè sono più strategiche per esplorare la zona senza perdere troppo tempo in macchina.

Cose da vedere al Blyde River Canyon:

  • Three Rondavels: è il punto panoramico più famoso, in Afrikaans Randavels si riferisce alle tipiche capanne rotonde dell’Eastern Cape, infatti queste 3 formazioni rocciose, ricordano molto delle capanne circolari. Da qui la vista è davvero meravigliosa e si può vedere benissimo il canyon e inoltrarsi in maniera più o meno pericolosa tra le rocce

  • God’s Window: una collinetta di foresta pluviale con diverse terrazze che si affacciano sulla valle e sul canyon

  • Pinnacle: si trova molto vicino a Graskop, è una enorme formazione rocciosa allungata e solitaria che per l’appunto assomiglia ad un pinnacolo
  • Berlin Falls: una depressione rotonda di terra rossa, sormontata da pini dove scorre un’altissima cascata. La si può vedere solo da lontano, ma ammetto che l’immagine è da cartolina

  • Bourke’s Luck Potholes: per accedere a quest’area si deve pagare un ingresso di 45ZAR, seguendo delle passerelle di legno si arriva in una bellissima zona dove delle cascate apparentemente piccole hanno disegnato dei grandissi fori cilindrici nella roccia, davvero un paesaggio bellissimo.

  • Foresta di Eucalipto di Sabie: in questo tratto di strada vi sorprenderà la quantità di alberi che incontrerete, infatti qui ci sono tantissime piantagioni di abeti ed eucalipti che rappresentano la risorsa economica principale di questa regione, si dice che quella diSabi sia la foresta di Eucalipti più grande del mondo.

  • Cascate di Sabie: la zona vicino questo piccolo paesino è ricco di cascate e fiumi, le cascate più belle sono Sabie Falls, Bridal Veil Falls, che raggiunge i 70 metri d’altezza, Lone Creek Falls anche essa altissima raggiunge 68 metri.
  • Mac-Mac Falls: forse una delle più famose perchè sa qui partono diversi circuiti di rafting e di canyoning. C’è anche la Mac-Mac Pools che è una piscina naturale dove è possibile fare il bagno
  • Pilgrim’s Rest: questo piccolo paesino ha mantenuto il suo stile boero, è uno dei pochi insediamenti ancora datato nel tempo, è una buona opzione per un pranzo o magari anche per dormirci
  • Big Swing: vicino Graskop è uno dei cavi più alti del mondo da cui si può gettare, è come buttarsi da un palazzo di 19 piani.

Dove Dormire al Blyde River Canyon:

Come ho detto sopra per comodità logistica io consiglio di restare tra Sabie e Graskop

Graskop:

Laguna Lodge: bellissima struttura immersa nella natura a 10 minuti da God’s Window, ti permette di isolarti dai pullman di turisti che invadono la cittadina, ma di restare vicino a tutti i luoghi di interesse

Berlin Falls Country Estate: una sistemazione più contenuta come costi e con un’atmosfera più da guest house, sembra di vivere in una casa di campagna, molte stanze hanno al cucina così si può cucinare in loco risparmiando molto dato che solitamente gli hotel offrono cene carissime per gli standard Sudafricani

Kloofsig Holiday Cottages: è una bellissima struttura immersa nel verde, ha stanze molto grandi con terrazza e molte con il camino, ti da una sensazione di relax e lontananza dalla confusione

Sheri’s Lodge & Backpackers: sicuramente un posto frequentato da giovani, dove soggiornare per fare nuove amicizie, ha diverse strutture tipiche Sudafricane, grandi capanne circolari adibite sia a stanze private che di gruppo, giardino grande e piscina in comune

Sabie:

The Sabie Town House Guest Lodge: una grande casa di legno nel mezzo della foresta, stanze ampie, camini, giardini e tanti fiori

Sabie Self Catering Apartments: appartamenti davvero di livello, arredamento interno molto curato, massima privacy, spazi esterni grandi e delle cucine molto attrezzate

Thandamanzi Self Catering: bellissima struttura nel verde, molte stanze hanno un grosso spazio esterno con possibilità di fare braai, a pochi passi scorre un ruscello e ci sono le paperelle, perfetto per il relax estivo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *