Bonus Vacanze: chi ne ha diritto e come chiederlo

Nel Decreto Rilancio sono stati stanziati ben 4 miliardi al settore turistico, uno dei più penalizzati da questa pandemia. La prossima stagione estive vedrà delle vacanze tutte italiane, il che non è male visto la vastità di territorio che ci offre il nostro paese. La manovra andrà soprattutto ad aiutare le aziende, ma in piccola parte anche a supportare i cittadini con meno possibilità a concedersi qualche giorno di svago in un anno così duro per tutti.

Cosa sono i Bonus Vacanze?

Un contributo al quale possono accedere le famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro, modulato in base alla numerosità del nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie mononucleari. Il contributo potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020.

Se vi state chiedendo come si calcoli il reddito Isee ho trovato questo portale che permette di verificarlo in pochi secondi.

Cosa potremmo pagare con il Bonus Vacanze?

Questi soldi potranno essere utilizzati per il pagamento dell’albergo, dell’agriturismo o del bed & breakfast, l’importante è che avvenga «senza l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici» come ad esempio Booking o Airbnb.

Come si legge nel decreto, per avere diritto al bonus le spese legate alla vacanza debbono essere sostenute in un’unica soluzione e devono essere relative a una singola impresa turistico-ricettiva. Devono essere imputate ad un solo componente del nucleo familiare. Il totale del corrispettivo deve essere documentato da fattura elettronica o documento commerciale, nel quale deve comparire il codice fiscale del soggetto che intende fruire del credito.

Se vi state chiedendo in che modo nella pratica utilizzeremo il bonus, le indicazioni sono che l’80% sarà uno sconto diretto sulla fattura elettronica emessa da qualche struttura ricettiva, il restante 20% sarà una detrazione dall’imposta sul reddito.

Sull’esclusione delle piattaforme di prenotazioni ci sono già molte diatribe, ho letto che la Codacons no è d’accordo perché ritiene che questa manovra in realtà non tuteli il consumatore.

Come richiedere il Bonus Vacanze 2020

Si dovranno aspettare indicazioni specifiche, ma sicuramente si farà in maniera autonoma e telematica dal portale dell’INPS.

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.