Come sapete negli ultimi due anni della mia il benessere ha preso un posto sempre più importante nella mia quotidianità, sono più consapevole del mio corpo, della mia mente, e della mia alimentazione, mi soffermo su quello che mi fa stare bene e cerco di riprodurlo il più possibile.

#yogaround

Pratico yoga e meditazione con costanza, e durante il mio percorso di studio di queste discipline, mi sono avvicinata molto alla filosofia indiana e all’ayurveda. Sinceramente ho trovato molte difficoltà nello studiare questi argomenti così lontani dalla nostra cultura e dal nostro modo di interpretare la realtà. Ci vuole costanza, voglia, curiosità e capacità di mettersi in discussione.

Io sono partita dai benefici: sto meglio sia con il corpo che con la mia emotività, ergo voglio saperne di più.

Di sicuro la patria dell’ayurveda è il Kerala in India, ma se siamo nuovi rispetto a questo mondo, forse la curiosità non ci spingerà così lontano. Si possono fare dei ritiri ayurvedici anche in Europa, non in moltissimi posti, è bene verificare che non siano solo massaggi ayurvedici, ma che ci sia un medico, e un cuoco ayurvedici, in modo da avere un trattamento completo.

Sono stata a Thermana Lasko, un centro benessere con annessa clinica ayurvedica nel cuore delle montagne della Slovenia, ho avuto la possibilità di fare un pacchetto completo di 3 giorni di detox ayurvedico.

Fare un pacchetto di 3 giorni, è un punto di partenza, per avere dei risultati più profondi vi consiglio di dedicare più tempo, e comunque vi consiglio caldamente di prendervi dei giorni al vostro rientro per continuare con le indicazioni del medico in modo da prolungare il benessere.

Visita dal Medico Ayurvedico

L’esperienza inizia con una visita di un ora con un medico ayurvedico, medico indiano, in inglese [ad un costo extra si può anche richiedere un interprete]. Al vostro arrivo vi daranno un questionario diagnostico ben strutturato, potete compilarlo da soli o con il medico, perché la visita seguirà molto i copione di questo questionario.

Si inizia con la storia clinica della propria famiglia per poi passare a quella personale, il medico indaga anche sul nostro sistema digestivo, sulle nostre abitudini sul sonno, sulla risposta emotiva agli eventi e molto altro. Poi si passa alla visita del corpo, analisi delle articolazioni, palpazione dell’addome, analisi della lingua e controllo del battito del polso. Sulla base di questi elementi il medico può riconoscere il nostro dosha predominante.

Ayurveda letteralmente significa la conoscenza (veda) della vita (ayur) ed è una disciplina olistica che abbraccia l’essere umano nel suo insieme, da un punto di vista energetico, fisico e spirituale.

Thermana Lasko Slovenia Ayurveda

Nell’ayurveda ci sono 3 dosha ossia le forze vitali che rappresentano gli elementi della terra: vata, l’elemento aria/etere che nel corpo è rappresentato dal cervello, dal cuore, dai polmoni;  pitta l’elemento fuoco, che nel corpo è rappresentato dal sistema digestivo, dal sangue, dal sistema endocrino, l’elemento kapha, che rappresenta l’acqua e la terra ossia elementi pesanti e nel corpo lo troviamo nella vescica, nello stomaco, nelle articolazioni, nel sistema linfatico. Non esiste un dosha migliore dell’altro, ogni essere umano ha un bilanciamento che influenzerà la sua vita, l’ayurveda cerca di modulare la vita sulla base dei propri dosha. Sulla base della presenza dei 3 dosha nel nostro corpo il medico disegna una dieta, dei trattamenti e delle indicazioni sullo stile di vita. Se vi incuriosisce questo argomento e volete approfondirlo con qualcosa di semplice vi suggerisco di leggere Yoga ed Ayurveda di David Frawley Prakriti. La struttura fisica dell’uomo.

Vi faccio un esempio su di me per essere più chiari, io sono vata pitta, il medico mi ha diagnosticato una irritazione molto accentuata nelle articolazioni che porta una intossicazione del mio corpo (cosa che ho notato anche io) secondo lui tutto parte dal mio collo perché io dormo con un cuscino sbagliato, mi ha prescritto elementi e trattamenti sfiammanti e un ciclo di decotti da prendere una volta a casa che aiuteranno il mio organismo ad disinfiammarsi naturalmente. Ha diagnosticato anche altre cose, che sapevo infatti d’avere ma non vi voglio tediare con la mia vita clinica.

Trattamenti ayurvedici

I trattamenti ayurvedici non sono come dei massaggi di bellezza, non li scegliamo noi sulla base delle nostre esigenze estetiche, ma sono dei trattamenti terapeutici, è il medico che ve li dovrà prescrivere, sulla base dei vostri dosha e dei relativi squilibri.

I massaggi sono sempre svolti con oli ayurvedici caldi scelti sulla base delle vostre esigenze, anche l’arredo ayurvedico viene dall’India perchè questi trattamenti richiedono lettini e macchinari molto particolari.

Nel mio caso io ho fatto entrambe le volte il Kizhi, è un massaggio che serve per disinfiammare le articolazioni, si pratica strofinando dei sacchetti pieni di erbe medicinali sul corpo, facendolo scivolare con olio caldo. In effetti quando ho terminato mi sentivo come se le mie articolazioni vibrassero, specialmente al collo che è il punto in cui ho più problemi.

Yoga Personalizzato

Durante il vostro soggiorno avrete delle lezioni di yoga personalizzato, anche in questo caso l’insegnante è indiano, praticherete Hatha yoga svolto in modo abbastanza classico ossia poco dinamico, gli esercizi saranno intervallati dal pranayama, ossia da esercizi di respirazione, e dalla ripetizione di mantra. Si tratta di un ora di lezione modulata sulla base del vostro corpo e sulla vostra fisicità.

Le piscine termali del Thermana Lasko

quello per cui il Thermana è sicuramente molto famoso sono le sue piscine, ne ha davvero tante, sia all’esterno che all’interno. La maggior parte di quelle esterne sono aperte solo in estate. Quelle interne sono di diverso tipo, si sono quelle dedicate all’attività fisica o in alcuni casi riabilitativa, ossia servono per nuotare, gli scivoli per i bambini e diversi idromassaggi. La particolarità di questo centro termale è che ha una enorme cupola di cristallo che in estate viene aperta e le vasche per l’idromassaggio sono rotonde e sospese tipo fiori, davvero bellissimo. Nella zona piscina ci sono tantissimi lettini per il relax e un bar per poter ordinare da bere o da mangiare.

Zona Saune del Thermana Lasko

La zona che mi è piaciuta di più è sicuramente quella dedicata alle saune, anche perchè è concesso l’accesso ad un pubblico solo adulto. Vi ricordo che in Slovenia in tutte le saune è obbligatorio essere nudi, io non lo preferisco, ma queste sono le regole.

Lo spazio saune è davvero molto grande, ci sono tantissimi ambienti diversi in modo da trovarli sempre mediamente vuoti, ci sono saune finlandesi di diverse temperature, la mia preferita è quella da 95C – 100C e quella 85C – 95C, sono temperature che possono sembrare infernali, ma gli ambienti sono davvero molto secchi, quindi è un caldo che ti toglie ogni tipo di umidità invernale, in realtà è molto piacevole.

Ovviamente ci sono anche saune a 55C o 75C, con una percentuale di umidità più alta, ci sono bagni turchi e tepidarium.

Diverse zone docce e, cosa che io preferisco una piscina con acqua fredda, intorno ai 10C dove buttarsi dopo la sauna bollente, come si fa nel nord Europa, può sembrare folle, ma la sensazione di benessere che si prova una volta fatto questo tuffo è indescrivibile, io mi sento una donna nuova.

Anche nella zona sauna c’è una piscina idromassaggio molto grande, con accesso esterno e la temperatura di circa 32C, la cosa bella è che è dedicata solo a chi va alle saune quindi molta meno gente e le luci sono davvero soffuse.

Acqua Termale di Lasko

Lasko ha un’acqua termale davvero particolare, la formazione del cristallo rivela che è un’acqua irradia una forte energia vitale, ha un effetto stimolante sulle persone sulla psiche e sull’equilibrio tra anima e corpo. Con i suoi impulsi rinforza l’organismo e ne favorisce l’equilibrio. L’acqua aiuta a disintossicare il corpo, ad abbassare il suo livello d’acidità, ha un effetto leggermente diuretico, migliora l’ambiente biologico delle cellule e la comunicazione intercellulare.  All’ingresso del centro termale c’è una fontanella da cui si può prendere liberamente l’acqua termale per berne a piacimento.

Cosa fare a Lasko

Lasko è un piccolissimo paese che sorge lungo un fiume, lo si può raggiungere dal Thermana con una camminata di 10 minuti circa. È un posto molto tranquillo, con piccole casette in stile nordico, chiese colorate, piccoli bar. È famoso anche per la produzione di birra, il cui stabilimento si può vedere nel centro della città.

Celje

Una piccola cittadina a circa 12km da Lasko, ha un bellissimo castello visitabile, è di sicuro un centro più grande con più negozi e ristoranti e più frequentata da ragazzi.

Trekking

Lasko è circondato da boschi e colline, ci sono tantissimi sentieri tracciati per addentrarsi in passeggiate di difficoltà variabile. Le persone del luogo sono molto sportive e sia in estate che in inverno li troverete fare nordic-walking o corsa all’esterno. Lungo il fiume ci sono anche degli attrezzi pubblici dove allenarsi.

Un luogo dedicato al benessere a 360°.

Decotti Ayurvedico per sfiammare l’organismo

Il medico mi ha dato delle indicazioni natuali per sfiammare l’organismo, ho pensato che sarebbe bello condividerlo con voi. Il medico consiglia di ripetere questo ciclo di decotti per 2-3 settimane

Giorno 1:

Far bollire 3 Litri di acqua con 1/2 cucchiaio grande di orzo per 10 minuti, filtrare e trasfeire nei termos e bere tutto il giorno

Giorno 2:

Far bollire 3 Litri di acqua con 1-2 centimetri di zenzero per 10 minuti, filtrare e trasfeire nei termos e bere tutto il giorno

Giorno 3:

Far bollire 3 Litri di acqua con 1/2 cucchiaio grande di cumino per 10 minuti, filtrare e trasfeire nei termos e bere tutto il giorno.

Giorno 4:

Far bollire 3 Litri di acqua con 1/2 cucchiaio grande di semi di coriandolo per 10 minuti, filtrare e trasfeire nei termos e bere tutto il giorno.

Giorno 5:

Far bollire 3 Litri di acqua con 10 foglie di basilico fresco per 10 minuti, filtrare e trasfeire nei termos e bere tutto il giorno.

Giorno 6:

Far bollire 3 Litri di acqua con 1/2 cucchiaino di curcuma e sale per 10 minuti, filtrare e trasfeire nei termos e bere tutto il giorno

 

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.