Il titolo è un po’ provocatorio, per me se scegli di visitare Bali devi mettere in calendario che di dovrai muovere, restare fermi tutto il tempo nella stessa zona è molto limitante, finisci per trascorrere la maggior parte del tempo in auto o motorino.

Come ho spiegato nella mia Guida di Sopravvivenza per la Prima volta a Bali, l’itinerario perfetto prevede qualche notte a Ubud, qualche notte a Canggu e qualche notte verso la penisola di Bukit.

Bali è un’isola che cresce in maniera imbarazzante, io da diversi anni mi trasferisco lì per il periodo estivo, perchè faccio il mio retreat comportamentale e poi colgo l’occasione per trascorrere l’estate in un posto non troppo caldo, non troppo caro e con tanti amici.

Una quindicina di anni fa il posto più divertente era Kuta, poi si è spostato sulla Legian, poi a Seminyak, come se con il passare degli anni si sfruttassero fino all’osso queste località e ne rimanessero solo gli scarti, ovviamente contribuiscono orde di australiani e americani ventenni che vengono a fare feste devastanti tutte le notte. Circa 5 anni fa Seminyak era il posto più elegante, pieno di hotel di lusso beach club, feste esclusive boutiques meravigliose, ma in pochi anni è diventato troppo affollato, ci sono ancora tutte queste cose belle, ma anche un traffico inaudito, rumore e confusione, non di viene a Bali per trovare la stessa confusione di Time Square.

Così le persone, specialmente gli occidentali trasferiti sull’isola degli Dei hanno deciso di risalire la costa, prima a Petitenget e poi verso Canggu, un tempo era solo un villaggio locale dove si coltivava il riso e i surfisti più frikkettoni andavano la mattina presto in spot segreti con onde molto grandi. Negli ultimi 3 anni costruiscono nuovi bar o negozi ogni mese, la cosa è abbastanza preoccupante, ma sta diventando la zona con l’equilibrio migliore tra chi vuole relax e un po’ di vita sociale.

A Canggu non troverete le feste pazze di Seminyak ne l’aspetto meditativo di Ubud, diciamo che c’è un mix tra le due cose. È un centro molto informale con mercatini hippy, negozi di prodotti per il corpo biologici, un sacco di centri yoga, diverse feste sia sulla spiaggia che in locali, ristoranti dove si mangia necessariamente avocado e uova e dove tutto sembra essere stato creato per venir fotografato su Instagram. Come dicevo io di solito vivo qui, quindi vorrei darvi un po’ dei miei consigli anche se già so che aggiornerò questo post mille volte perchè Canggu cambia ogni mese.

Le spiaggie di Canggu e come viverle al meglio:

Inizierò in ordine geografico cercando di darvi un po’ di informazioni sulla vibe:

Pantai Batu Belig:

un tempo la chiamavano Bau Bau Beach, infatti è il luogo dove solitamente si portano a passeggiare i cani, anche se diciamo che a Bali i cani sono un po’ ovunque.

Il posto più carino per prendere l’aperitivo è il 707, cocco fresco, birra e piedi scalzi, massima informalità, come piace a me.

Come posti per mangiare che consiglio: Watercress Cafè, una delle prime catene di healty food nata a Bali, questa è la sua sede più carina a parer mio, io riesco a mangiare le zuppe vietnamite anche con 40 gradi, cibo molto buono e il posto è sempre alla moda.

Se invece preferite mangiare cucina balinese andate da Bebek Tepi Sawah, invece da The Moose trovate cibo per occidentali ossia burger, carne alla griglia e panini ma in stile urban balinese. A pochi passi c’è anche Da Maria, che in realtà è a Petitenget ma in linea d’aria siamo lì, quello è il posto più cool per andare all’aperitivo cena la domenica, molto amato dalla comunità italiana balinese.

Notizia fondamentale per tutte donne qui trovate Think Pink Nails che il posto migliore di Bali per il manicure e pedicure, mi raccomando prenotate con anticipo.

Pantai Berawa:

questa strada è molto più elegante sia come negozi che come ristoranti, sulla spiaggia infatti c’è uno dei beach club più famosi di Bali il Finns, tetto di bamboo e infinity pool, molto amato soprattutto dai cinesi, ma se non ci siete mai stati una volta vi consiglio di vederlo.

Ci sono diverse scuole di surf come Wave House e Koad Surfer che sono dei veri e propri surf camp, ossia si può anche dormire.

In questa zona i posti dove mi piace mangiare sono Milk and Madu, anche questo ha cibo healthy, l’ambiente e grande e spazioso ed è creato per chi come me molto spesso la mattina pranza e lavora, infatti c’è un ottimo wifi e ci sono le prese di corrente sotto ogni tavolo. Green Ginger, che è una noodle house, se anche voi amate i noodles anche di altre cucine. Macan che è davvero stilossissimo, cucina con contaminazione francese anche piuttosto caro, ma davvero bellissimo stile. Sprout, molto famoso per i suoi succhi, anche qui si può lavorare, solito cibo sano, così come Ruko che fa anche le famose Nalu Boal ossia delle ciotole con yogurt di acaì e varia frutta e frutta secca, diciamo il piatto tipico per la colazione balinese. Nella zona vicino al Canggu Club ci sono dei posti da non sottovalutare, Il Savage, mi piace tantissimo, il cibo è molto buono e particolare e l’arredo è davvero curato, molto verde. Uno dei posti che ha aperto da poco e sta diventando un must do è il Parachute, perchè infatti ha una specie di immenso ombrello di stoffa che copre tutto il ristorante, lo vedrete spesso su Instagram di mezzo mondo. Altro posto dove sicuramente dovrete dedicare una serata è la Laguna, è dello stesso proprietario della Sicilia e la Favela, ovviamente italiano, un maestro per l’arredamento, ogni suo locale è davvero particolare. La Laguna è grandissima, enorme giardino che da appunto sulla laguna, prati, carovane, per cenare va bene anche se non è economico, ma sicuramente è un must do per le feste.

In zona, ad Umalas veramente, che è una zona più “local” di cui magari vi parlerò tra qualche tempo, c’è il Jungle, un locale dei miei amici, quindi sono di parte, ed il venerdì fa delle feste pazzesche, andateci per forza!

Pantai Batu Bolong

che è dove di solito dormo io, quindi sono ferratissima, tra i consigli che vi do includo sempre anche posti che si trovano sugli short cat, ossia le stradine perpendicolari che vi portano da un lato e un altro delle strade principali che vanno al mare, fidatevi appena arrivate capirete tutto.

The Lawn è sicuramente il beach club più figo di questa spiaggia, si è evoluto tantissimo negli ultimi due anni, prima era solo prato verde con delle stuoie ora è ha infinity pool e musica dal vivo! Se volete qualcosa di più informale, proprio sulla spiaggia ci sono dei baretti con cuscinoni colorati, birra e spesso musica live, nelle vicinanze cucinano il mais alla brace che potrete usare come smorza fame. Un’altro posto davvero figo dove andare è l’Old Mans, prima la serata era solo la domenica all’aperitivo ora va di moda praticamente ogni sera, luogo davvero molto grande ed affollato. Diciamo che come beach club prima c’era anche il Tugu Hotel che un hotel a 5 stelle in stile javanese, davvero meraviglioso, da due anni hanno creato un muro che divide il giardino dal mare quindi praticamente non c’è vista mare, e a molti non piace più, ma l’esperienza sia culinaria sia di servizio è meravigliosa.

Come posti per mangiare anche qui ce ne sono mille, The Slow, ha aperto da un annetto è uno dei più eleganti, fa tapas curate, di ogni tipo di cucina, cocktali buonissimi, ma i prezzi sono europei. The Raw, lo dice la parola stessa fa generalmente piatti crudi ma non solo, il posto è bello, giardino molto grande, il cibo deve piacere, io preferisco il sushi di pesce e non di verdura. Lacalita, ristorante messicano che fa anche molti piatti buoni a base di pesce, ce ne sono due in zona, molto consigliato, anche i cocktalil sono buoni. Littile Finders, io non ci sono mai andata perchè il menù non mi ispira, fanno cucina del nord europa, prevalentemente di carne, ma è sempre molto affollato, ergo piacerà. Roti Canai è molto buono per colazione o pranzo, fa roti indiani e succhi buonissimi, diciamo che uno dei pochi che non prepara uova e avocado. In questa zona qui il sabato e la domenica c’è un piccolo mercatino e si riempie tantissimo di persone. Cafè Organic uno dei posti che troverete di più su Instagram, tutto bianco, arredamento con conchiglie cibo healthy e un sacco di dolci vegani! Betelnut Cafè, uno dei primi della zona, super storico, pasti belli sostanziosi come piacciono agli australiani. Deus Ex Machina, decisamente uno dei miei posti preferiti, ce ne sono tanti a Bali, questo è il mio preferito, è grande, si mangia bene, fanno dei ravioli ricotta e spinaci fatti in casa buonissimi, la domenica sera c’è la musica dal vivo e il lunedì sera fanno i tatuaggi gratis, sì, hai capito bene! Motion Cafè, ci vado praticamente tutti i giorni perchè è stato il primo ad inventarsi il fit food, ora fa anche cibo paleo, ma soprattutto fa il crostone con poached eggs avocado, feta e semini più buono del mondo. Cafè Vida, anche questo va di moda per la colazione, fa tutte quelle cose che io non mangio, tipo cornetti senza glutine, muffin vegani,  ma il caffè è buono. Bro resto, è molto frequentato da surfisti, c’è spesso fila la sera, informale, buono e costa poco. Koi, uno dei miei prefeiti, ci vado spessissimo, fa l’unico sushi che mi piace a Bali, non è un sushi bar, fa anche insalate e piatti a base di pesce, ma il sushi è buonissimo e fresco, molto spesso invece la qualità del sushi è pessimo. Moana, cucina polinesiana, va abbastanza di moda, l’ambiente è molto carino e curato, costa poco e si mangia buon pesce, certo… in stile polinesiano. Pretty Poison, immaginate un posto con una piscina enorme vuota usata dai ragazzi con lo skateboard, fa spesso feste, specialmente il sabato sera. Cloud 9, su uno shortcat, vista risaie, cuscinoni e tavoli bassi e le solite uova con avocado, molto carino per una colazione lenta.

Echo Beach

Forse la spiaggia più famosa di Canggu, troverete tantissimi baretti sulla spiaggia con cuscini colorati o lettini, e tantissime scuole di surf che ti insegneranno a cavalcare le onde, ce ne sono talmente tante che basta andare in spiaggia e scegliere.

Vi racconto un po’ la zona, innanzitutto c’è il Dojo il coworking più figo della storia, dove vado anche io! È abbastanza caro, costa 15€ 24h, praticamente quanto una stanza per dormire a Bali, l’abbonamento è sicuramente più conveniente, il posto è meraviglioso, tantissimi tavoli, molto spazioso, piscina, doccia, luogo per lasciare la tavola e armadietto con chiave per mettere il computer mentre surfi, è a finaco a Nalu Bowl quindi puoi ordinare la colazione mentre lavori, unica nota negativa, il caffè è pessimo, ma pessimo davvero! La Baracca, uno dei miei ristoranti preferiti dove vado molto spesso, ce ne sono diversi a Bali, ovviamente cucina italiana, molto tradizionale e semplice, perfetto se non ce la fate più a mangiare nasi goreng. The Shady Shack, qui troverete tutti gli insegnanti di yoga di Canggu, è un posto con un arredo davvero bello, tutto all’aperto, legno dipinto di bianco, cuscini, relax e cibo ovviamente vegetariano e super salutare, se avete ancora fame potete fuggire e andare a fianco al Babi Guling, ossia il maialino porchettato tipico di Bali. Bali Buda, finalmente è arrivato anche a Canggu il negozio più desiderato dagli habitué, è un luogo molto salutare e local dove puoi fare la spesa o mangiare, tutto fa miracolosamente bene.

Come beach club, qui c’è La Briza, bamboo, cuscini, legno e musica elettronica, onestamente mi piace molto, è davvero chill con pochi cinesi e pochi russi.

La spiaggia  si sposta in una nuova zona, una appena nata Pererenan, ma la conosco troppo male per parlarvene, appena studio vi informerò.

Dove fare Yoga a Canggu

Come sapete io amo lo yoga e a Bali faccio lezione quasi tutti i giorni, anche perchè costa infinitamente meno rispetto ad una lezione in Italia e ci sono lezioni a tutte le ore in posti stupendi.

  • Desa Seni: per me questo è il posto più bello di Bali per fare yoga, sicuramente più caro degli altri, costa circa 13€ /15€ a lezione, ma è stupendissimo e gli insegnanti sono di altro livello, praticamente uscirete strisciando.
  • The Chill House: è un centro molto giovane a Canggu che raggruppa appassionati di surf e di yoga, ha una clientela molto giovane, si può anche soggiornare.
  • Yoga Shala at Serenity: ci sono molti corsi al giorno, non è lontano dal mare, la location è invitante e la sala di yoga è in una struttura balinese, io ci vado molto spesso,
  • Samadi Bali Yoga: particolarmente centro sull’Ashtanga, offre diverse classi al giorno, è una struttura molto famosa anche per il suo ristorante organico, consiglio di fare la lezione delle 10.30 e poi fermarsi a pranzo, organizzano spesso retreat, la struttura ricettiva è bellissima
  • Serenity Yoga: questa è un giusto compromesso anche per chi vuole ipotizzare un soggiorno balinese tutto benessere e yoga senza spendere una fortuna, c’è anche la possibilità di dormire in una coguesthouse ossia in una sorta di ostello, per me l’ostello è un po’ confusionario, ma le lezioni sono buone e all’ingresso c’è anche un bar molto carino.
  • The Practice: struttura tutta in bamboo molto bella, classi decisamente intense e maestri preparatissimi.

 

Dove dormire a Canggu

4 Quarters Bali Villas: Una bellissima villa con piscina e spazi all’aperto, in uno stile misto urban e balinese, è per 2 persone quindi garantisce massima privacy and un prezzo contenuto e si può anche cucinare.

Own Villa Bali: un complesso di ville super da sogno, di bamboo e legno a metà tra stile balinese e quello di Sumatra, vi sembrerà di entrare in un nuovo mondo, vicino dall’energia hipster di Canggu ma con la pace e lo stile che si cerca in un viaggio a Bali, io lo adoro.

Villa Mathis: in una posizione molto comoda, tra la strada principale e la spiaggia, un tipico complesso di camere balinesi, con giardino, piscina, zona per meditare, vasche all’aperto, fanno anche trattamenti in villa e c’è la possibilità di ordinare da mangiare.

Dea Villas: mi piace molto il suo spazio esterno perchè combina la piscina con grandi sassi e rocce, anche le vasche da bagno sono a forma di rocce, in posizione centrare di Canggu, ha un ottimo livello di servizio

Wayang Retreat: ha dei bellissimi bungalow di legno in stile indonesiano, l’arredamento è molto curato, il prezzo è davvero competitivo per quello che offre, ovviamente non manca la piscina esterna, prato e docce sotto le stelle.

Exotica Bali Villa Bed and Breakfast: un b&b carino, molto vicino al mare, arredo moderno con influsso balinese è sicuramente fatto da poco, molto conveniente

Lebak Bali Residence: ottimo rapporto qualità prezzo, struttura moderna, con piscina, bello spazio all’aperto, molto curato e pulito,  moderno stile balinese, spenderete davvero poco per una qualità alta.

Koming Guest House: frangipane, piscina e piccoli templi. Edificio nuovo in stile balinese moderno, hanno creato uno spazio esterno meraviglioso e delle stanza ampie e funzionali, il prezzi sono davvero bassissimi, consigliato.

Ostelli a Canggu

The Escape Hostel: uno dei migliori ostelli della zona, ha un roof top con piscina e una zona comune molto ampia, organizzano spesso feste, i posti letto sono tipo capsule ma non chiuse, permettono d’avere più privacy e anche maggior confort perchè non ballano come gli odiosi letti a castello.

The Tipsy Gypsy Hostel: molto vicino al mare, colorato, giardino con piscina, letti in legno, il posto ideale per fare amicizia e magari buttarsi nel surf

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.