James Minoggio (classe 1984) ha le idee chiare: fin da piccolo sente che la Svizzera gli sta stretta, girare il mondo è quindi l’unica via di fuga per questo giovane ticinese che a anni salta da un continente all’altro. Ma girare il mondo non è la sua unica passione. In questa intervista – nella quale svarieremo dal suo universo personale alla situazione attuale del turismo – ci racconterà pure del suo amore per il calcio, la musica e la recitazione, tre passioni che si porta sempre nella valigia, nazione dopo nazione.

1. Hai lasciato il piccolo e tranquillo Ticino a 21 anni e da allora hai vissuto in 10 paesi visitandone altri 21. Quando hai capito che il tuo futuro non sarebbe stato in Svizzera? E, soprattutto, ti saresti mai immaginato di fare il percorso che hai fatto?

Molto presto, già a 14 ero sicuro che non avrei vissuto tutta la mia vita in Svizzera. Da bambino sognavo di viaggiare e di vedere tutti i continenti. A 21 anni ho lasciato l’ovile o sono andato a vivere con degli amici, con loro ho visitato tutti i Cantoni della Svizzera in auto. Passare dai Cantoni nazionali ai paesi del mondo è poi stato un passo quasi automatico. In ogni caso, non mi sarei mai aspettato di visitare così tanti paesi, ma ormai non ho più intenzione di fermarmi. Ho sentito che un ragazzo tedesco ha appena visitato tutte le 201 nazioni del mondo, spero di avvicinarmi a questo record, anche se per il momento superarlo è impossibile.

viaggiare lavorando

 2. Cosa ti spinge ogni volta a cambiare nazione? Quando scatta la molla che ti fa rifare le valige e partire?

Credo che la vita non abbia senso se non si visita il mondo. Ogni paese ha il suo fascino e sarebbe uno spreco non conoscerne il maggior numero possibile di persona. Sono nato in un paesino di 700 anime e ogni volta che torno a casa dopo nemmeno una settimana ho già voglia di ripartire. Probabilmente, è la tranquillità del Ticino che non fa per me, io ho bisogno i stare tra la gente, parlare lingue straniere e, soprattutto, poter prendere il sole in una spiaggia caraibica.

 3. Come superi la barriera linguistica che, inevitabilmente, si viene a creare quando arrivi in un paese nuovo di cui non parli la lingua?

Sinceramente, non credo che la barriera linguistica sia mai stata un problema. Quando sono partito parlavo già quattro lingue: italiano, tedesco, francese e inglese. Lo spagnolo l’ho imparato vivendo tra Cuba e il Messico, aiutato anche dal fatto di essere di madre lingua italiana. In Portogallo me la sono sempre cavata mischiando italiano, spagnolo e le nozioni di latino imparate a scuola. L’osso più duro, finora, è stato il tailandese, ho dovuto impararlo per poter comunicare con le comunità rurali. Il fatto di essere cresciuto in un paese plurilingue come la Svizzera è stato sicuramente un vantaggio per me.

viaggiare lavorando

4. Se non mi sbaglio, da quando sei partito, hai sempre lavorato nel turismo. Ti sei formato in Svizzera oppure segui una specie di formazione continua non ufficiale a dipendenza di quello che hai bisogno in un determinato posto?

All’inizio pensavo che senza aver un diploma presso un istituto in Svizzera non avrei mai trovato lavoro. Evidentemente mi sbagliavo, i resorts sono sempre alla ricerca di animatori, hai piccoli hotel servono sempre nuovi receptionist e i Tour Operators cercano sempre assistenti turistici. Nonostante i tempi di crisi che corrono, nel mondo del turismo ci sono migliaia di posti di lavoro vacanti. Spesso e volentieri, a chi ti assume, non interessa se hai una laurea, a loro serve che tu sappia parlare diverse lingue e che abbia qualche tipo di esperienza nel settore. Qui a Londra, dove vivo attualmente, esistono scuole specializzate nella formazione di receptionist, booking agents, hospitality managers e chi ne ha più ne metta. Per esperienza personale, creo che questo tipo di scuole sia più utile per trovare lavoro, che non una generale laurea in turismo. Mi è passato per la testa di tornare in Svizzera per formarmi, ma come ho detto, non penso che ne valga davvero la pena.

 5. Lasciamo per un momento il James viaggiatore. So che tra le tue più grandi passioni ci sono il calcio, la musica e la recitazione. Raccontaci un po’ di questi tre passatempi.

In questi anni in giro per il mondo ho sempre cercato conciliare gli spostamenti con queste tre passioni. Nel calcio mi sono tolto qualche soddisfazione giocando nei campionati nazionali di Bahamas, Filippine e Tailandia. Quest’anno voglio cercare fortuna a Gibilterra, per poter giocare le qualificazioni alla Champions League. Come DJ ho suonato in Spagna, Austria, Tailandia e Londra. Adesso mi occupo soprattutto di produzioni di Remix di CD prodotti in Messico, dove sono anche stato invitato a fare il mio primo vero tour. Da quando sono a Londra, nel tempo libero, partecipo ai workshop della LAMDA, la scuola di recitazione. Quando ero in Tailandia ho superato i casting del film The Impossible di J.A. Bayona e ho lavorato a contatto con stelle del calibro di Ewan McGregor e Naomi Watts. Sarei dovuto esserci anche nel sequel di Una notte da leoni, ma per motivi di lavoro ho dovuto rinunciare. Mi piace considerarmi un artista e il calcio, la recitazione e la musica sono le mie forme preferite per esprimermi.

viaggiare lavorando

6. Voglio quattro nomi e quattro perché. Qual è il posto in cui hai vissuto che più ti è piaciuto, quello che ti ha dato di più, quello che più ti manca, e, infine, quello in cui non torneresti mai?

Quello che mi è piaciuto di più è senza dubbio Playa del Carmen, nella Riviera Maya in Messico: spiagge bellissime, gente molto amichevole e molti turisti con cui passare le serate ad ascoltare musica elettronica nei club in spiaggia, un sogno.

Quello che mi ha dato di più è Londra. Sono qui da un anno ormai, ho trovato un ottimo posto di lavoro, una casa e tantissimi amici da tutto il mondo. Il posto ideale per fare buoni contatti, qui mi sento realizzato, anche se le spiagge caraibiche non sono proprio a due passi…

Le Filippine sono il posto che più mi manca. Ci sono stato due volte e, in alcune zone, mi è sembrato ancora poco turistico, molto selvaggio e poi la gente è gentilissima e aperta. Ci sarei rimasto tutta la vita.

Nonostante le bellezze del paesaggio, quello in cui non tornei mai, è Myanmar, la ex Birmania. Appena arrivato mi hanno ritirato il passaporto e ho dovuto ascoltare un interminabile discorso su quello che non potevo fare mentre stavo lì, non mi sono sentito per niente benvenuto. Una volta uscito dall’ufficio immigrazione mi hanno quasi obbligato a prendere una guida, se non volevo che mi arrestassero, mi sono sentito un po’ minacciato.

7. Considerata la crisi che da qualche anno sta stritolando l’Europa e il mondo in generale, non hai mai pensato che sarebbe più facile rientrare in patria, in Svizzera, e trovare un lavoro stabile e ben pagato lì?

La crisi stritola tutto il mondo e nemmeno il settore del turismo ne è immune. Ma le cose in quel campo non stanno poi così male, ci sarà sempre gente che va in vacanza e, come dicevo prima, se puoi dimostrare un buon dominio delle lingue e hai un po’ d’esperienza un lavoro lo si trova comunque. Ho provato a stabilirmi in Svizzera, ma dopo aver fatto qualche calcolo, in Svizzera riuscirei a mettere da parte molti meno soldi che all’estero. E poi dai, in Svizzera non ci sono spiagge caraibiche né molte discoteche. Non se ne parla proprio di tornare.

Viaggiare_lavorando_

 8. Assieme alla Svizzera e alla Germania, Londra è forse la metà più gettonata tra i giovani in fuga dalle crisi dei loro paesi. Tu che ci vivi da più di un anno, pensi davvero che ci siano possibilità per tutti?

Assolutamente sì, sono sicuro che Londra sia ancora un’ottima scelta per la gente in cerca di un lavoro. A concorrenza è agguerrita e bisogna sapersi muovere bene, ma le possibilità ci sono. Molti all’inizio si trovano un po’ spaesati perché una metropoli non è per tutti, tanti poi arrivano con un livello d’inglese molto basso e per i lavori migliori è fondamentale, ovviamente, parlare la lingua. In alternativa, all’inizio, si può sempre virare su un ristorante italiano, spagnolo o cinese a dipendenza della provenienza di chi sta cercando lavoro. L’ideale, comunque, è arrivare con un buon livello d’inglese e un buon CV.

 9. Prossima fermata?

Il calcio dovrebbe portarmi a visitare sette nuovi paesi quest’anno. Poi vorrei fare un bel giro in America Centrale, dal Belize a Panama. Ma chissà, nella vita non si può mai dire e quindi potrei magari finire a Buenos Aires, dove una persona speciale mi ha chiesto da poco di trasferirmi.

 10.  L’errore più grande che hai mai commesso in uno dei tuoi viaggi è stato…

E’ stato iniziare a prendere in giro l’agente dell’immigrazione statunitense quando atterrai a Dallas, in Texas. Se l’era proprio cercata, perché mi aveva trattato in maniera molto scortese. Alla fine però quasi ci rimetto di nuovo io, perché ho dovuto sorbirmi tre ore di domande assurde prima di essere rilasciato.

Jack

Jack

Da sempre appassionato di viaggi, fotografia e calcio, sono alla ricerca della formula perfetta per vivere viaggiando. Ho giurato amore eterno al viaggio da quando ha cambiato il mio concetto di “normale” e “logico”. Docente di formazione, viaggiatore di professione. Autore di www.libertadviajera.com

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookGoogle Plus

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.