Gabriela: 55 anni in giro per il mondo come trapezista in un Circo

Mi chiamo Gabriela Pavlatova Savio, sono nata in Cecoslovacchia 65 anni fa e sono una ex artista circense di 7ma generazione.

1. Come si diventa trapezzista?

Nel mio caso potrei dire che ci sono nata dato che la mia famiglia ha sempre lavorato nel Circo. Essere trapezzisti è frutto di tantissimo lavoro ed esercizio, da bambini si imparano varie discipline, tramite prove giornaliere, e tra quelle la mia preferita era il trapezio, con il quale mi sono esibita fino a 55 anni.

2. Tre parole per fescrivere la vita in un circo

 Dura, impegnativa, la più bella del mondo.

3. Come è vedere il mondo dal circo?

Il mondo ci appare quasi “irraggiungibile”, perché noi viviamo una realtà diversa; come in un sogno. È come se la nostra realtà fosse sempre molto simile, anche se il mondo intorno cambia, noi cambiamo ben poco. Eppure con gli spettacoli con i mesi è come se capissimo e respirassimo le culture dei popoli che attraversiamo.

4. Quale è il paese che ti ha accolto in maniera più calda?

Il Paese più accogliente è senza dubbio l’Italia. Per questo ho deciso di rimanere qui adesso che non giro più il mondo per lavoro.

5. Come si vive la staticità “dopo circo”?

Molto difficile. Perdi le “abitudini” che avevi prima (alzarti all’alba, occuparti dei figli da portare a scuola, degli animali, delle prove, viaggiare, ecc.) per dar spazio ad una “nuova vita”. Molto difficile soprattutto smettere di esibirti.

6. Raccontaci questa nuova passione per i disegni

La passione per il disegno non è nuova, ho sempre disegnato sin da piccola. A 9 anni ho frequentato la Accademia dell’Arte a Budapest, scuola prettamente per adulti ma con me avevano fatto un’eccezione per via delle mie doti. A fine corso mi hanno assegnato un diploma speciale per la mia età.
Ora eseguo quadri e i miei acquirenti sono soprattutto americani e giapponesi. I miei disegni sono ovunque nel mondo 😂.

7. Cosa racconti nei tuoi disegni?

Con i miei disegni racconto quasi sempre il mondo del circo. Soprattutto nei fumetti, dove racconto in modo grottesco e divertente la vita circense. Potete vedere i miei lavori sulla mia Pagina Facebook

8. Quale è il tuo prossimo sogno?

Il mio sogno ora è guarire dal cancro e pubblicare i miei fumetti, e con il ricavato aiutare chi è nelle mie stesse condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *