Due anni in giro per il mondo da solo! Bicicletta si o no?

Mi faccio chiamare Thib Thib sono francese, in questo momento mi trovo in Mauritania, sono sulla strada di casa due mesi mi allontanano dal ritorno, dopo due anni di viaggio in giro per il mondo. So che sarà davvero strano per me tornare a casa, ma guardo avanti.

1. Ricordi il momento che decise di cambiare vita?

Quand’ero più giovane non capivo la ragione del viaggiare; poi ho iniziato a fare l’inter rail in Europa con i miei amici e lì ho capito quanto puoi aprire la tua mente, quando puoi avere un punto di vista diverso viaggiando. Ti aiuta a diventare saggio. In quel momento sapevo che avrei voluto fare un grande viaggio e che questo viaggio avrebbe cambiato la mia vita ,così iniziata la mia ispirazione.

Thib Thib in Ghana
Thib Thib in Ghana

2. Quando hai deciso di viaggiare hai iniziato pedalando, perché?Quale credi sia il vantaggio di viaggiare In bicicletta?

Ho iniziato pedalando perché mi piace il fatto che puoi essere veramente indipendente, fai tutto da solo, riesci a dormire facilmente dove vuoi, sei in grado di portare molte cose di cui hai bisogno con te, puoi cucinare, che in Europa è decisamente necessario, non hai bisogno di tanti soldi, dipende solo da te.

3. Qual è secondo te lo svantaggio di viaggiare in bicicletta?

Ho portato la mia bicicletta fino in Australia, viaggiando attraverso tutta l’Asia, ma dopo un paio di piccoli viaggi in Australia non era più sicuro della mia scelta.

Viaggiare in bicicletta era diventato troppo facile e non più eccitante come all’inizio, non incontravo tante persone, era facile per trovare un posto dove dormire, la strada era diventata un po’ noiosa, una lunga autostrada, non più così divertente. Quindi direi che lo svantaggio di andare in bicicletta è che diventi troppo indipendente.

Questa è la verità e dopo un po’ di tempo avevo avevo voglia di incontrare più persone , di prendere differenti mezzi di trasporto, di essere più vicino alla gente del posto e mi sono chiesto se andare in bicicletta fosse ancora la scelta  migliore.

Poi due miei amici mi hanno raggiunto in Australia, non me l’aspettavo, abbiamo deciso di prendere il furgone insieme, che è la soluzione migliore per viaggiare in Australia, e questo è stato il segno che mi ha fatto lasciare definitivamente la bicicletta. Specialmente quando ho saputo che sarei andato in Asia, dove il trasporto è molto economico. Viaggiare in bicicletta ha molto più senso quando il costo del trasporto è elevato.

viaggiare da soli in Asia

4. Quanto eri allenato quando hai deciso di andare in giro in bicicletta?

Non ero veramente allenato quando ho iniziato a pedalare, a quel tempo cercavo di fare allenamento una volta alla settimana. Per me la bicicletta è solamente una bellissima maniera di viaggiare, non la uso per divertirmi, mi piace soltanto muovermi con lei.

5. Dopo l’Europa hai iniziato ad esplorare Asia, Australia e Africa quali sono le differenze tra questi continenti..

Ovviamente ce ne sono tante di differenza tra i questi continenti, ma se intendi la miniera di approcciare il viaggio è interessante come domanda.

L’Australia è stata perfetta per me perché mi ha permesso di migliorare il mio inglese, volevo avere un buon inglese prima di esplorare il mondo, la comunicazione è molto importante quando si viaggia. Avevo anche bisogno di risparmiare qualcosa ovviamente, quindi ho lavorato abbastanza per mettere un po’ di soldi da parte, èstato decisamente molto funzionale, ho lavorato otto mesi e viaggiato zaino in spalla 3 mesi.

L’Australia è un paese molto caro, più dell’Europa, quindi devi fare parecchia attenzione a come pensi spendere il tuo denaro non c’è modo di andare a ristorante tutti giorni. Hai bisogno di cucinare, hai bisogno di sapere dove dormirai ogni notte, meglio se in tenda o camper.

In Asia è completamente differente, sono andato ovunque senza preoccuparmi di dove avrei dormito e ho sempre trovato un posto economico per la notte. Ok qualche volta ho camminato un bel po’ per trovare un posto, ma alla fine ho sempre speso il giusto.

In Africa è ancora differente, il cibo ovviamente è molto economico, se non sei troppo esigente ti va di mangiare street food. Ma gli alloggi sono abbastanza cari e non ci sono tante cose da visitare come in Asia. Le persone, la loro maniera di vivere, è la cosa migliore che tu possa vedere in questo paese. Questo è il motivo per cui ho vissuto prevalentemente con loro. Ho sempre incontrato le persone per caso e loro sono sempre stati molto ospitali specialmente in Senegal, altre volte li ho incontrati tramite couchsurfing.

Ma in Africa bisogna stare attenti, non bisogna andare ovunque da soli, specialmente di notte o fare altre cose azzardate, non è sempre sicuro, dipende molto dal paese ovviamente, spesso sei considerato come un portafogli con le gambe.

375660_10150963692837267_1891179543_n

6.  Qual è il tuo lavoro adesso, sei un nomade digitale?

Non ho lavoro adesso, il mio background e nelle costruzioni sono un pittore un muratore di solito non è difficile trovare un lavoro. Non ho ancora speso tutti i soldi che ho guadagnato in Australia al momento, grazie al cielo.

7. Qual è la più grande difficoltà per un nomade secondo te?

Grande difficoltà? Dipende da chi sei! Viaggiare ti insegna talmente tante cose, diventi paziente, socievole con chiunque, riesci a sentire le persone molto velocemente, È strano, ma anche quando si viaggia inizia sentire la routine del viaggio, e capisci che è il caso che inizi a cambiare il tuo approccio.

Stare da solo, per alcune persone è difficile, per me non è importante, soltanto un po’ di volte mi sono sentito solo, Ma non credo sia un grande problema, io suono la chitarra e questo mi fa sentire meglio.

8. Qual è l’aspetto della tua personalità è cambiato di più nella tua nuova vita?

Molti aspetti sono cambiati durante questo viaggio è difficile metterne a fuoco solo uno; potrei dirti che sono molto più aperto, molto più compassionevole molto più vicino alla gente qualunque. Per me siamo tutti fratelli, molte persone mi hanno aiutato senza conoscermi e voglio fare lo stesso appena ne avrò l’occasione. Non c’è bisogno di conoscere le persone per aiutarle o per apprezzarle.

Giro per il mondo

9. Quanto pesa il tuo zaino in questo momento?

Il mio zaino al momento è 10 chili, era 12 durante l’inverno. Nei 10kg sono inclusi: la chitarra, un’amaca, una zanzariera, un sacco a pelo e i miei libri. Meno porto con me e meglio mi sento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *