Avventure outdoor in Lapponia in Inverno- Finlandia

Francesca Di Pietro Pubblicato il

Se dico Lapponia in inverno quanti brividi vi vengono?

Si è vero il termometro scende, ma si sopporta molto meglio che 0° a Milano, entro certi limiti si intende, motivo?

–       prima di tutto il freddo del nord Europa è secco! L’umidità non sanno neanche che cosa è e non c’è vento!

–       Basta coprirsi. Al nord si dice che “non c’è brutto tempo, sei tu che non ti sei coperto a sufficienza”. Diciamo che fino a -20C ci sta, dopo questa ipotesi vacilla.

La differenza che nei paesi davvero freddi la gente si veste tecnico, comodo e pratico. È normare in Finlandia andare a bere una birra al pub con i pantaloni da sci e il pile, te li immagini in Italia? Ma neanche a Sestriere ci si va con abiti tecnici dopo che gli impianti chiudono! Beh direi che in questo dovremmo imparare da loro, bella la moda, ma l’intimo tecnico li batte tutti.

Una cosa che mi ha stupito tantissimo che in realtà nell’inverno nordico non si sta a casa a ammazzarsi di caffè o rimpinzarsi di cioccolatini, ma la gente fa tantissimo sport!! Diciamo che quando scende sotto i -30C un po’ meno, ma abbiamo comunque una buona media.

Lapponia Finlandia

Io nasco come una non avventurosa, ma il viaggiare in solitaria mi ha fatto capire che in realtà non solo mi diverto molto facendo sport avventurosi, così ho cercato di fare quasi tutto il possibile.

Nella mia settimana lappone ho risalito la regione da Rovaniemi fino al lago Inari, alternando le attività o meglio seminandole strada facendo.

Rovaniemi è una cittadina bruttina bruttina, sembra di estrazione sovietica in più è tutta bianca con questi enormi fabbricati bassi rettangolari, ma dopo tutto si trovano lati positivi; come ad esempio la natura circostante.

Per le mie attività di outdoor di Rovaniemi e di Saariselka mi sono affidata a Lapland Safaris e devo dire che mi sono trovata benissimo, e confrontando i loro servizi con quelli offerti da latri, devo dire che la loro qualità organizzativa è migliore. Considerando che tutte le attività si fanno ovviamente con una temperatura molto rigida, le agenzie si occupano di vestirti da capo a piedi: calzettoni, stivali imbottiti, tuta, cappello, sciarpa guanti e passamontagna, come dicevo la qualità dell’equipaggiamento di Lapland Safaris è davvero alto e con quelle temperature fa la differenza.

Lapponia Finlandia

Gli sport invernali da non perdere in Lapponia:

–       Husky Safari: a chi non piacciono quegli enormi cagnoloni dagli occhi azzurri? Diciamo che in Italia siamo abituati a vederli enormi e con la lingua penzolante, povere bestie ora ho capito che chi ne porta uno nel sud Europa è davvero un egoista incredibile. Come mi spiegava la mia guida, sono animali artici, i loro peli hanno una camera d’aria all’interno che li isola dal freddo, quando ho visitato l’allevamento c’erano -27C e confermo che accarezzandoli loro erano caldi, io morta ghiacciata con tutto addosso.

Per trainare una slitta ci vogliono 6 husky, per addestrarli circa 2 anni, ogni slitta porta solo 2 persone un sdraiata e una in piedi sui pattini di dietro che guida. A dire il vero sono ignorante, non sapevo si guidasse così. La realtà è che non è per niente facile, i cani adorano correre nella neve e sono dei fulmini loro reagiscono bene alle curve, ma per chi è dietro in piedi su una slitta non è la stessa cosa. È un po’ come stare su quei potentissimi skilift da soli! A dire il vero è l’esperienza che mi è piaciuta di più, i cani danno un’energia incredibile, ogni volta che si ci ferma iniziano a giocare tra loro, saltellare, è proprio vero che fuori dagli appartamenti stanno una meraviglia.

Husky_Safary_Finlandia_Lapland_Safaris

–       Safari con la slitta con le renne. E chi l’aveva mai vista una renna! Per me erano solo nelle pubblicità di Babbo Natale! Sono animali bellissimi, ho scoperto un sacco di curiosità parlando con il ranger, non so voi , ma io ero proprio ignorante. Prima di tutto ho scoperto che le corna le cambiano ogni anno!! Iniziano a crescere in primavera, crescono un centimetro al giorno, sono irrorate dal sangue e pelose, poi in autunno loro cambiano il pelo, strappano il pelo dalle corna e ne uccidono la circolazione. Durante l’inverno perdono le corna. Per questo i sami usano tanto il corno di renna, non è degli animali morti è quello della muta! Ho scoperto che le femmine riescono a prolungare il loro tempo di gestazione se la primavera è troppo fredda per far nascere i piccoli con la temperatura più mite e che per ogni maschio ci sono 10 femmine…poveri maschi, sai che lavoro! Le renne possono correre fino a 50km/h infatti ci sono delle competizioni agonistiche a Rovaniemi: il fantino va in sci e la renna tira, se sbagli ti spalmi contro un albero! Ma dopo tutto i finnici amano i campionati estremi!

Il safari in slitta di renne è molto tranquillo, una passeggiata calma, a passo d’uomo, direi che piace molto ai bambini, il paesaggio è stupendo, di sicuro manca di adrenalina, ma credo sia interessante saperne di più su questi animali che rappresentano il fulcro della cultura sami.

Slitta_con_renne_Finlandia_Lapland_Safaris

–       A caccia di aurora boreale in motoslitta.

C’è da premettere che in Finlandia ci sono le piste per motoslitte, mi raccontavano dei ragazzi che loro nel week end vanno in motoslitta in un cottage sperso nei boschi, passano il week end lì e poi tornano indietro, roba di 100km di motoslitta nei boschi.

Personalmente non avevo mai guidato una moto slitta, non è facile, non è facile controllare la direzione della moto, i tempi di risposta sono lenti e sulla neve fresca è dura, ma si impara presto.

A Saariselka ho effettuato questo safari notturno, con Lapland Safaris, aveva nevicato tutto il giorno, questo vuol dire che di sicuro, o quasi, non vedi l’aurora, ma che fa meno freddo del previsto, infatti eravamo solo a -17C. Onestamente mi ero coperta benissimo e non ho sofferto minimamente il freddo. Il safari completo dura 4h, si parte alle 6p.m si fanno circa 8km nei boschi; Saariselka ha delle piccole colline quindi la passeggiata è molto bella, poi si arriva in una zona dove i ragazzi di Lapland Safaris  hanno costruito due grandi igloo di giaccio, in modo da ospitare i turisti e farli stare a temperatura controllata. Se non fa troppo freddo, come la notte in cui sono andata io, si può stare all’aperto, intorno al fuoco, dove si cucinano delle salsicce e si beve succo caldo di mirtillo, ammetto che è stata una bellissima esperienza. Dopo cena l’idea sarebbe quella di cercare l’aurora, io in quello non sono stata sfortunata, ma guidare di notte nei boschi è stata un’esperienza meravigliosa che non dimenticherò mai.

motoslitta_notte_Finlandia_Lapland_Safaris

Procedendo solo 60km più a nord si incontra il lago Inari, il  secondo più grande della Finlandia, parliamo di 1153 kmq quadrati, è grande quanto il Lussemburgo, è continuamente intervallato da piccoli isolotti, uno spettacolo meraviglioso in qualsiasi stagione decidiate di visitarlo; personalmente vi consiglio di spingervi fino a qui perché ne vale veramente la pena.

La località più facilmente raggiungibile è senza dubbio Inari, dato che ha un trasporto pubblico da Ivalo, le altre località sono raggiungibili sono con auto propria. Ad Inari bisogna sfruttare il lago e le colline dalle quali lo si può osservare.

lago_Inari_Finlandia_Visit_Inari
Chiesa Sami sul Lago Inari

 

Ad Inari mi sono affidata a Visit Inari, l’agenzia più grande della zona.

–       Ciaspolata nei boschi, per quanto sia una cosa molto comune anche in Italia io non l’avevo mai fatta, in effetti ti permette con estrema facilità di attraversare la neve fresca e lo sforzo è praticamente lo stesso che si fa camminando. Inoltre essendo un’attività aerobica è anche un ottimo rimedio per riscaldarsi. Vicino il lago Inari ci sono molte dolci collinette, è quindi molto facile salire sulla cima innevata di una di esse e perdersi nelle sfumature di grigio e azzurrino del panorama; è incredibile quante tonalità abbiano così pochi colori e quanto cambino  a seconda della luce.

ciaspolata_lago_Inari_Finlandia
Ciaspolata sul lago Inari

–       Safari sul lago Inari in motoslitta. Il lago ha una vita a sé, in estate con le canoe, in inverno con le motoslitte o gli sci. Distanze, abitazioni, abitudini, storie di lapponi e di sami, vestiti strani, pelli di renna, di ermellino o di visone. A soli 8 km dal paesino di Inari, attraversando il lago per poi prendere una strada attraverso il bosco, si arriva ad una antica chiesa di legno risalente a circa de secoli fa. Quando i Sami erano ancora nomadi, usavano andare a pregare lì in inverno, ora è usata solo a Pasqua e per i matrimoni. È una chiesa luterana, tutta ancora totalmente in legno, se vi sedete sulle piccole panche azzurre potrete notare quanto fossero più piccoli i sami un tempo rispetto agli enormi finnici di oggi. Quando ci sono entrata, con un sole tenue che illuminava creando grossi contrasti e colorando l’aria esterna di rosa, mi sono sentita come dentro un film del far west, ci mancavano solo le donne con le crestine e i pistoleros. In totale si percorrono circa 16 km, attraversando il lago, la nostra guida ha scorto un gruppo di renne che ci precedeva, le abbiamo inseguite, vedendole saltellare dolcemente sulla neve intonsa, sembrava di stare in un libro fatato.

motoslitta_lago_Inari_Finlandia_Visit_Inari
L’effetto alone sul lago Inari

Ho imparato una nuova cosa attraversando il lago Inari, c’è un effetto del sole che loro chiamano “effetto alone” io direi che in italiano suona meglio riverbero o qualcosa di simile [chi di voi sappia quale è il nome scientifico per piacere me lo dica] ossia sembra che all’improvviso ci siano due soli, a volte anche 3! Wow è stato molto molto emozionante!

–       Aurora Sleeping, io non l’ho potuto più fare perché a causa delle basse temperature è stato cancellato, ma la Guest House Villa Lanca organizza le notti in tenda (attrezzata) per vedere l’aurora boreale sul lago Inari, deve essere un’emozione unica.. qualora la si veda!

aurora sleeping Finlandia Lapponia

Dove dormire in Lapponia:

Rovaniemi:

  • Guest House Borealis dove ho dormito io, a parer mio un ottimo compromesso, perché è economica, 50€ a stanza, con una fantastica cucina attrezzata, colazione inclusa e sauna, vicina al centro, perché con solo 10 minuti sei nella piazza principale e davvero a pochi passi dalla stazione dei bus e dei treni.
  • Cloudberry Apartments sono degli appartamentini molto curati e stilosi a poca distanza dal centro, diciamo che sono più convenienti se si viaggia in gruppo perchè molti hanno soluzioni con più stanze.
  • Lomavekarit è una bellissima casetta in legno bianco, ben arredata al suo interno, ti permette d’avere autonomia mantenendo il comfort.
  • Arctic TreeHouse Hotel questo è totalmente il non plus ultra, sono delle enormi stanze nel mezzo dei boschi con una parete completamente di vetro in modo da poter vedere l’aurora boreale direttamente dal letto.

Saariselka:

  • Lapland Hotel Riekolinna, dove ho alloggiato io, ammetto che gli standard sono buoni, c’è una colazione strepitosa, sauna in camera e palestra al piano terra.
  • Apartments Kuukkelli Hirvas sono appartamenti tutti in legno, tipico stile lappone, alcune stanze hanno sauna e caminetto interno, ottimo punto d’inizio per tuffarsi nella cultura lappone
  • Saariselkä Inn Log Cabins è una specie di complesso di vari rifugi di legno, tutti molto minimal come arredamento, ma ti danno davvero l’idea di essere in mezzo alla foresta. 

  • Muotka Igloos questo è un posto davvero strepitoso, un complesso di bungalow a forma di igloo, ma in muratura e tutti hanno metà tetto di vetro per vedere l’aurora

Inari:

  • Guest House Villa Lanca, dove ho alloggiato io, gestita da una signora con un sorriso molto generoso e con un alternarsi di ragazze giovani alla pari, le camere sono molto grandi, anzi direi che sono dei mini appartamenti con tanto di zona living e cucina, la sala in comune dove viene servita un’ottima colazione è totalmente in legno e in perfetto stile lappone.
  • Holiday Village Inari le ultime 2 notti del mio soggiorno le ho spese qui, dei bellissimi bungalow sulla sponda del lago. È il luogo ideale per vedere l’aurora boreale, io mettevo il cavalletto difronte la porta di casa. Ogni bungalow ha la sauna così potete poi gettarvi nudi sulla neve fresca. Io ci sono andata da sola e mi sono divertita.
  • Lake Inari mobile Cabins anche questa è una soluzione davvero strana, sono cabine trasportabili tipo roulotte con una parte di vetro in modo da poter godere della vista e se siete fortunati dell’aurora.

Tutto quello che c’è sa sapere dalla A alla Z per iniziare a viaggiare in solitaria. Grazie al Travel Coaching trasformerai passo dopo passo, autonomamente, il viaggio in un momento di crescita. Un manuale pratico e di trasformazione,

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 75 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo. Ho pubblicato: Il Bello di Viaggiare da Soli: guida al travel coaching per ottenere il massimo da noi stessi edito Feltrinelli.

Clicca qui per leggere i commenti