Alessandro Bordini 27 anni di Verona, è un ragazzo non vedente che ha deciso di intraprendere il giro del mondo da solo, chiedendo aiuto a chi incontra, filmando i luoghi che visita per permettere di vedere a chi lo segue, le meraviglie che visita, autore di un blog www.lightheplanet.net  dove racconta ogni suo spostamento, fino ad oggi ha completato l’Africa.

1. Come hai deciso di voler intraprendere questo viaggio?

Ho deciso di partire per questo viaggio da quando ho realizzato che era possibile per me, in quanto non vedente, spostarmi per le città senza pianificare tutto in partenza, senza avvalermi di una persona specifica che facesse da guida, ma semplicemente chiedendo aiuto alla gente che incontravo di volta in volta, allorché avessi necessità di un aiuto.

Questa è stata per me una scoperta grandiosa ed ho pensato che valesse la pena di farlo sapere al maggior numero di persone possibile, non solo non vedenti, in maniera che ci fosse una presa di coscienza su quanto in realtà il genere umano è in grado di essere solidale con i propri simili.
Alessandro Bordini

2. Perché hai scelto di partire dall’Africa?

Forse per un discorso logistico, l’Africa è esattamente a sud dell’Europa, spostandosi quindi in orizzontale non la si incontrerebbe.
Si trattava di decidere se affrontarla all’inizio o alla fine, ho deciso di non rimandare l’appuntamento.

3. Ho letto sul tuo sito che cerchi di coinvolgere le persone nel tuo progetto, in che modo ti possono aiutare?

Principalmente seguendomi, virtualmente e con il pensiero, emozionandosi. Sono convinto che i pensieri e le emozioni possano scaturire un’energia incommensurabile!

In secondo luogo aprendo gli occhi su ciò che sto trasmettendo con il mio progetto: dobbiamo smettere di essere rivali, dobbiamo smettere con l’odio e con le guerre, pur mantenendo le nostre culture e le nostre identità.
In terzo luogo contribuendo economicamente al progetto, tramite il pulsante delle donazioni che si può trovare sul sito.
Alessandro Bordini

4. Come organizzi il tuo viaggio nella pratica, hai qualcuno che ti accompagna in giro nelle città o nei trasporti?

Nella pratica mi affido alla gente, mi appoggio a chi incontro, per ricevere ciò che sono disposti a dare, da consigli di viaggio ad un aiuto per coprire pochi metri, fino addirittura all’ospitarmi per la notte.

Io accetto qualsiasi cosa ed ogni volta cerco di essere riconoscente nella stessa maniera, sorridendo e ringraziando.

5. Dato che tu devi utilizzare gli altri 4 sensi, cosa cerchi in un paese che visiti?

Per molte cose il mio iPhone è fondamentale, come aggiornare il mio blog, comunicare con famiglia e amici, trovare informazioni di vario genere su internet, quindi una delle mie prime ricerche, raggiunta una frontiera, riguarda la scheda sim locale.

Allo stesso modo posso cercare trasporti per la città verso cui sono diretto, magari anche cibo o acqua se non ho provviste con me.

6. Nel tuo viaggio in Africa hai ricevuto maggior calore dai locali o dagli altri viaggiatori?

Alessandro Bordini

Ho principalmente incontrato gente del posto, che mi ha spesso molto aiutato; i pochi incontri di viaggiatori sono risultati comunque altrettanto graditi e di supporto.

7. Fai spesso video dei posti che visiti, che senso hanno nello storytelling delle tue avventure?

Io non posso vedere, ciò non toglie che chi mi segue possa avere la curiosità di vedere i posti che visito, le realtà che incontro; altro motivo risiede nel fatto che un contenuto video risulta da me più facilmente gestibile rispetto ad un contenuto fotografico, per via dell’audio che me ne permette il riconoscimento.

alessandro-Bordini

8. Hai riscontrato delle difficoltà maggiori di quelle che ti eri immaginato prima di partire?

Prima di partire non ho perso molto tempo ad immaginare cosa avrei trovato, ho preferito scrivere le mie impressioni su pagine immacolate, prive di realtà supposte.

E ciò che ho trovato mi ha lasciato il sorriso.

9. Cosa ti sta dando questa esperienza?

Attraversare così tanti paesi nel giro di poco tempo, nella maniera che sto seguendo, sta portando forti cambiamenti in me, importanti prese di coscienza.

L’unica cosa che sono certo di poter rispondere è che mi sto arricchendo con un piccolo concentrato di vita per ogni posto che visito, per ogni situazione che incontro, nonostante la mia cecità. Sto ricevendo moltissimo!
Per il resto della domanda credo che risposte interessanti si potrebbero ottenere da chi mi sta attorno e mi conosce; del resto si dice che per conoscere noi stessi è anche molto importante ascoltare ciò che gli altri dicono di noi.

10. Come proseguirà il viaggio?

Esattamente nella stessa maniera in cui è partito, con tanta fiducia nel prossimo, forse con ancora più carica e sete di posti nuovi.

A differenza di prima ora so cosa significa viaggiare veramente e devo dire che mi piace!
Ho finito l’Africa, ora rimane il resto del mondo.
Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.