La parte nord di Bali è quello meno frequentata dai turisti, sia perché è la più lontana dall’aeroporto sia perché ci sono meno strutture alberghiere.

Chiunque di voi stia cercando mare meraviglioso per fare anche immersioni non può esimersi da visitare il Parco di Menjangan, si tratta di una piccola isoletta disabitata nella punta nord ovest di b

Bali con un fondale spettacolare e tantissimi animali che non vi aspettereste di trovare qui.

 

Informazione tecnica, se per caso avete intenzione di visitare Java, i vulcani Bromo e Hijen e magari Yogyakarta ipotizzate un paio di giorni a Menjangan o prima o dopo, il motivo per cui ve lo dico è perché questo parco naturale si trova proprio vicinissimo a Gilimanuk il porto ovest di Bali.

Dove dormire a Menjangan

All’interno del parco naturale è possibile alloggiare al The Menjangan che è un bellissimo echo lodge interamente di legno che vi farà immergere in questo luogo meraviglioso immediatamente. Sfortunatamente questo hotel spesso pieno, quindi vi consiglio di prenotare con largo anticipo o magari sperare in un last minute, sicuramente è l’opzione migliore.

Nelle vicinanze nel parco, lontano da tutto immersi nella natura ci sono alcuni resort davvero belli, non fatevi spaventar dal nome perchè il prezzo può essere decisamente accessibile a volte, dipende anche dalla stagione quindi vi consiglio di provare.

Altra struttra nelle vicinanze è Mimpi Resort Menjangan, anche questo è in pratica una destinazione, ha una spiaggia privata, mangrove private, possibilità di vivere il parco in maniera completamente esclusiva, molte camere hanno la piscina privata con acqua termale, si può affittare la tavola sa SUP o fare immersioni o giri in barca.

Nusabay Menjanan: altra location esclusiva, super isolata dal resto, spiaggia privata e adiacente al parco, non sarete disturbati da nessuno, molto curata, più semplice rispetto alle alter forse con prezzi leggermente inferiori.

Naya Gawana Resort & Spa: bellissimi bungalow di legno, strutture pensili e terrazze sulle mangrovie, resort anche questo molto esclusivo, elegante ed isolato, le stanze sono meravigliose, molto aperte e in stile balinese moderno.

Plataran Menjangan Resort and Spa: immerso nelle mangrovie,ma con accesso al mare, ha anche un portile privato, da la possibilità di trascorrere la giornata in una bellissima barca privata, affittano canoe e hanno il centro diving interno. Infinity pool su un mare turchese. Fanno anche yoga.

Esistono due paesini vicino l’accesso del parco Buleleng e Permuteran. Buleleng non ve lo consiglio perché è vero che è più vicino al parco, ma si trova in una zona dove non c’è nulla, solo case, nessun ristorante o bar e non c’è l’accesso al mare perché la costa è coperta da mangrovie.

A parer mio Permuteran è la zona migliore, quasi tutti gli hotel sono sul mare, c’è una spiaggia carina con bar e ristoranti e anche un po’ di vita.

Taman Sari Bali Resort and Spa:bellissima struttura con arredamento molto curato, giardini ben disegnati che da proprio sulla spiaggia principale. Molto stiloso. Anche la loro spa è davvero stupenda, un mix tra stile balinese e ultramoderno.

Kinaara Resort & Spa Pemuteran Bali: questa struttura con bunalow molto balinesi offre anche l’opzione mezza pensione , che rende il tutto ancora più conveniente. I giardini sono davvero molto curati, si è immersi nella natura e vicini al mare.

Doubleyou Home Stay: una soluzione davvero molto carina, a conduzione familiare, stanze grandi e semplici bellissima piscina e posizione davvero centrale, una delle soluzioni più convenienti in termini di qualità prezzo.

Taman Selini Wahana Beach Resort: le camere sono molto balinesi, con tanti pezzi d’artigianato tipico, il giardino sfocia sulla spiaggia così come la piscina dalla quale si può vedere il mare, location perfetta per essere a metà tra il paesino e il relax.


Booking.com

 

Cosa fare nel Parco Nazionale Bali Barat

 

Questo è il nome originale del parco anche se viene chiamato da tutti come Menjangan. Le attività principali che si possono fare sono subacquee e nella foresta.

L’attrazione principale è l’Isola di Menjangan che ha dei fondali molto ricchi di vita, si può fare sia snorkeling che immersione. Io ho fatto immersioni sono decisamente facili, poco profonde, i coralli sono bellissimi e coloratissimi, è rincuorante pensare che si sia conservata così bene la vita sottomarina. La biodiversità è davvero elevata, sono stati trovati 110 tipi di coralli diversi e ben 27 specie di acropore (un tipo di madrepora, un corallo duro). Ci sono tantissimi pesci, parliamo sempre di pesci piccoli e non di pelagici, le immersioni sono molto belle soprattutto per la visibilità e il colore dell’acqua davvero turchese.

Il parco di Bali Barat ha una grandissima zona ricoperta di mangrovie dove si possono osservare le scimmie nere, questa è l’unica zona dell’isola dove si possono incontrare questo tipo di scimmie, se siete fortunati da trovare anche i cuccioli appena nati potrete vedere che sono di colore giallo chiaro.

Queste scimmie vivono su alberi molto alti, se state esplorando le mangrovie da soli non è facilissimo che riusciate a vederle, se invece avete scelto di affidarvi ad una guida locale lui sa i posti dove di solito amano stare e conosce i tipi di alberi che preferiscono mangiare.

 

Una parte molto grande è rappresentata dalla foresta che in alcuni punti si trasforma persino in savana, è un paradiso per gli amanti del bird watching ci sono più di 300 specie di uccelli e i famosissimi daini di timor, sembra davvero strano potersi trovare su di una spiaggia tropicale a Bali e vedere dei daini, eppure avviene. Tra gli altri animali curiosi che si possono trovare in questo parco ci sono gli scoiattoli giganti e i porcospini, il banteng che è una specie di mucca selvatica e il gatto marmorizzato che è un piccolo felino dal pelo molto maculato, inutile dire che avvistarlo sia difficilissimo.

Per entrare nel parco si deve pagare un permesso giornaliero che dura 24 ore quindi organizzatevi bene con gli orari in modo da poter visitare sia il parco che l’isola di Menjangan. È obbligatorio visitare il parco con una guida specializzata, io vi consiglio di dedicare del tempo anche alla foresta e alla savana non solo all’isola e di pianificare almeno due giorni pieni in questa tappa perché è un posto davvero particolare che si scopre lentamente.

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.
Ischia Yoga + Trekking27-29 Settembre

Un bellissio weekend di Settembre ad Ischia, in un hotel da sogno nel paesino di Sant'Angelo, faremo yoga, meditazione, camminate sul Monte Epomeo e possibilità di andare alle terme.

Iscriviti Subito