All'orizzonte un toubabou: 25000 km di emozioni in bici di Filippo Graglia

 All’orizzonte un Toubabou: 25000 km di emozioni in bici 

di Filippo Graglia

«Chi sta meglio? La persona che cerca la felicità comprandosi una macchina nuova, un nuovo abito? O colui che ha il minimo necessario per una vita dignitosa, e può dedicare tempo a ridere e scherzare con gli amici all’ombra di un albero? Non c’è forse una gran dignità sociale nelle attenzioni che riservano agli anziani, e agli ultimi?». Un viaggio dà risposte, ma sa anche suggerire molte domande.

All’orizzonte un toubabou è il racconto dell’avventura di un ingegnere, un viaggiatore. Un incidente stradale gli insegna che il momento per la realizzazione di sé è ora. L’autore parte con la sua bici dalla casa in cui è cresciuto nel Monferrato e costruisce il suo viaggio lontano dai circuiti turistici. Percorrendo 25.000 chilometri in 615 giorni, consumando 11 copertoni e 8 catene, si avventura con umiltà nel Sahara e attraversa il cuore del continente – la foresta equatoriale – fino a toccare l’estremo punto in cui oceano Atlantico e Indiano si abbracciano.

Verrà arrestato, per venti giorni costretto a letto dalla malaria, eppure imparerà che ogni incontro è uno scambio, la sua curiosità diviene quella di chi gli sta di fronte e i legami si consolidano attorno al fuoco. Ci sono soltanto la semplicità della vita e l’accoglienza di un sorriso, nella ricerca di nuove domande dove tutto è cominciato, in Africa.

Questo libro nasce dall’esigenza dell’autore di mettere ordine nel vortice di emozioni che lo ha assalito dal giorno in cui è tornato a casa. Molti incontri, tanti attimi fugaci e altri imperituri, le lacrime, le risate, la sofferenza in uno sguardo e la gioia di un abbraccio… Filippo scopre che è necessario ritirarsi in una baita in montagna senza distrazioni e, in giornate intrise di silenzio e natura, iniziare a scrivere. Le parole escono dalle dita come un fiume in piena, ben presto al dolceamaro piacere del ricordo se ne somma uno nuovo, quello per la scrittura. Ed ecco, a poco a poco prende forma questo libro. Nel suo eremo l’autore non solo ha rivissuto le esperienze africane e ripetuto per l’ennesima volta i rituali che hanno caratterizzato i suoi giorni africani, ma ha compiuto un secondo viaggio, quest’altro più intimo del precedente: osservando le situazioni dall’alto, con sguardo più maturo, ha compreso concetti che meritavano riflessione, silenzio.

Il capitolo di chiusura è scritto da un’altra penna, quella della madre. “A mamma, che con me ha viaggiato e sofferto” recita la dedica introduttiva. Con poche parole ha dipinto l’amore di una madre che si mette di lato perché il figlio sia felice e viva pienamente il suo desiderio di conoscere.

Tutto ciò è racchiuso in queste pagine e se il lettore vorrà, l’autore lo accoglierà a pedalare accanto a sé, sulla terra rossa africana.

_______

Toubabou, con le sue varianti (toubab, tubaap…), è una parola utilizzata da molti popoli dell’Africa Occidentale per designare una persona dalla pelle bianca, un europeo.

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 75 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo. Ho pubblicato: Il Bello di Viaggiare da Soli: guida al travel coaching per ottenere il massimo da noi stessi edito Feltrinelli.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.