Sono Frankie e vivo a Londra da 5 anni. Sono un artista, un filmmaker e fotografo. Sono stato ospitato da Culturanze come artista nel 2012, me ne sono totalmente innamorato e ho deciso genuinamente di investire le mie energie in un progetto che nasce dall’amore per la Puglia in generale e il Salento in particolare e dalla convinzione che nuove idee possono realmente migliorare il nostro soggiorno nel mondo.

Ospitalità in cambio di cultura è l’iniziativa che va sotto il nome di “Culturanze”.

Culturanze

Culturanze

L’idea è semplice: offriamo gratuitamente l’alloggio ad artisti e studiosi in cambio di cultura.

Si tratta di un baratto, un baratto culturale, in cui i gestori di strutture ricettive extralberghiere (agriturismi, case-vacanze, bed&breakfast…) mettono a disposizione un alloggio per artisti e studiosi, che hanno deciso di trascorrere una vacanza nel Salento, in cambio di un contributo artistico o culturale: musica, cinema, teatro, scultura, antropologia, scienza sono solo alcuni dei temi trattati nella prima edizione del 2012.

In questa iniziativa, anche i turisti, che soggiornano nelle strutture aderenti al circuito di Culturanze, avranno la possibilità non solo di assistere agli eventi, ma anche di sentirsi parte di una piccola comunità culturale vivendo a contatto con artisti, studiosi e altri turisti e viaggiatori…E’ un nuovo modo di fruire la Cultura, libero, spontaneo e senza barriere. E’ un vecchio modo di viaggiare in quanto il viaggio si trasforma in ciò che dovrebbe essere, un’esperienza di vita vera, in un’atmosfera davvero unica e familiare di scambio di idee,  di incontri, storie ed emozioni.

Vacanze Esperienziali

Vacanze Esperienziali

L’obbligo religioso di offrire ospitalità ai viandanti nel mondo greco era racchiuso nel concetto di Xenìa di cui Zeus stesso si faceva garante. Il circuito Culturanze aderisce a certi principi etici e filosofici,  si accerta che le strutture ricettive che vogliono essere coinvolte nel progetto li condividano e si propone come ente e volano di evoluzione culturale,  rivoluzione dei concetti e delle formule di turismo, in un tempo e in uno spazio che necessitano più che mai di proposte positive. Il viaggiatore sensibile alla Cultura, diventa, con il gestore, il nuovo mecenate del XXI secolo. Esprimiamo, così, la nostra gratitudine a persone, artisti e studiosi, che dedicano la loro vita alla Cultura. Li ospitiamo e trascorriamo del tempo con loro e con i viaggiatori ed i turisti che decidono di intraprendere questo viaggio con noi. Inutile dire che il Salento in particolare e la Puglia in generale offrono un patrimonio storico, architettonico, culturale e paesaggistico che già di per sè riempie il cuore e gli occhi del viaggiatore che arriva qui da qualsiasi paese; viverlo lentamente, goderlo, farne un’esperienza invece che una visita, mettere un volto su di un’emozione provata invece che una firma su una cartolina spedita,  scoprire con noi del luogo posti che non potresti scoprire da solo, far parte di un ristretto gruppo di viaggiatori che sa mettersi in discussione, che sa aprirsi al mondo, che vuole godere di eventi esclusivi in un’atmosfera di vero scambio e crescita, tutto questo e molto altro è Culturanze, perché si sa l’identità nasce dallo scambio e lo scambio è la linfa dell’evoluzione culturale e cognitiva degli esseri umani e del mondo, da sempre. Non abbiamo paura di dire che speriamo che il nostro progetto in qualche modo rivoluzioni e migliori le metodologie del turismo e del viaggio e di essere ospiti del pianeta terra; che la ricerca alla base del viaggio ci renda meno turisti e più uomini e donne pronti a condividere un’esperienza; che l’esperienza ci arricchisca interiormente rendendoci in qualche modo nuovi e migliori.

La scorsa edizione è stata la prima ed ha rappresentato davvero una sorpresa per tutti: organizzatori, ospiti, strutture ricettive e turisti; abbiamo raccolto delle testimonianze importanti perché a volte è difficile raccontare un’esperienza che ti ha cambiato, “segnato”, come dicono alcuni degli ospiti del 2012. Mi piace citare il Professor Rossi, Ordinario di Ecologia all’Università di Ferrara: “Poi ho visto una scultrice al lavoro, l’ho sentita parlare, innamorata del suo lavoro e con una visione delle cose che non è esattamente quella che vedo io. Io (…) quello che vedo è ciò che è , ma non è così, mi rendo conto, altri vedono di più, vedono meglio e mi hanno dato elementi per essere felice, per essere molto contento”.  Ecco che durante Culturanze un uomo di “hard science” incontra una scultrice, qualcosa accade e nella metempsicosi di coscienze il pensiero si evolve. Fra una chiacchierata, un aperitivo, uno spettacolo sulla spiaggia, una passeggiata, una visita in città le nostre vite sono cambiate, sono nate amicizie estemporanee che hanno tenuto i legami fra gli ospiti, gli studiosi e i viaggiatori al di là del periodo di vacanza che hanno condiviso. Lo stesso è stato per i musicisti, i ricercatori, i filmmakers, i fotografi, i menestrelli e i cantori che abbiamo ospitato l’anno scorso. Il potenziale che si scatena dall’incontro fra creativi, viaggiatori e turisti dirompe creando collaborazione e relazioni che vanno oltre il progetto stesso.

Fra le varie iniziative che hanno dato vita a Culturanze 2012 mi piace menzionare la performance di teatro e canzone degli Odemà, gruppo teatrale milanese che si è esibito su una piccola spiaggia di Gallipoli, i musicisti Daniele Contardo (ex Modena City Ramblers) e Lassatili Abballari presentati dalla Rete Italiana Cultura Popolare, la giornata degli ulivi a Lequile in cui abbiamo “pettinato” i rami di ulivo, la proiezione di un cortometraggio da parte di un filmmaker italo-londinese, una scultura live con Giovanna Basile, l’incontro con il Professor Rossi e con il gemmologo Alfredo Ferri; fra le altre iniziative c’era graphic art, fotografia, cartografia e tanti altri interessanti interventi.

Al momento Culturanze opera nel Salento con il proprio quartier generale a Pescoluse, collabora con il Sulmona Film Festival e patrocinerà presto un premio giornalistico; Culturanze è un gruppo di persone che lavora nel Salento integrato da un gruppo di persone che lavora da Londra. Ad oggi le strutture ricettive che hanno sposato il circuito sono tre e sono le Case-Vacanza Salento, la Masseria La Palombara e la Tenuta Specolizzi. Le strutture ricettive cercano di soddisfare le esigenze diverse di turisti diversi così che da alloggi più informali a strutture di comfort a più stelle Culturanze cerca di stringere legami di collaborazione fondamentalmente con chi sposa l’idea di baratto culturale e si dimostra ospitale verso gli studiosi e gli artisti che deciderà di ospitare. Lanceremo presto la chiamata agli artisti e agli studiosi per dare vita alla prossima edizione di Culturanze 2013 che comincerà a Maggio e apriremo presto i bookings per prenotare il proprio posto.

Vuoi far parte della prossima stagione di Culturanze come turista?

Non devi fare altro che prenotare la tua vacanza tramite noi, presso la struttura “amica” che più ti piace o dove sai che il tuo studioso/artista preferito alloggerà e ti offriremo uno sconto del 10%.

Sei un artista o uno studioso e vuoi essere ospitato gratuitamente per una settimana?

Non devi fare altro che mandarci una interessante proposta culturale.

Hai una struttura extra alberghiera e vuoi far parte del circuito?

Scrivici e verremo a trovarti.

Per ogni info:

www.Culturanze.it

 

http://www.facebook.com/culturanze

frankie@culturanze.it

Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.