A volte sottovalutiamo la forza della natura o sopravvalutiamo la nostra abitudine a plasmare l’ambiente secondo i nostri bisogni.Hai mai pensato cosa si può provare ad essere in acqua alla deriva nell’oceano atlantico per 7 ore? non è la sceneggiatura di un nuovo film americano, è il racconto di Elisa, ridonata a noi dagli “dei del mare” brasiliano.

<< l piccolo paese sulla sabbia, la manciata di case e pescatori di Atins, a quattro ore di barca dal mondo, lungo il fiume della pigrizia.

Cristina e Leandro nuotavano già al largo e ci chiamavano facendo gesti.

Mare Brasile

Vista aerea del mare brasiliano


Eravamo finalmente arrivati, l’ Oceano e non lontana la foce del fiume che dopo un lungo viaggio ci aveva condotti in quel posto.

Dopo poco vedevamo già le loro teste piccole come un punto in lontananza, forse stavano nuotando fino a quell’ isolotto che si vedeva all’orizzonte, un po’ temerari, ma decidemmo di seguirli.
Era così calmo il mare, noi eravamo felici, e nuotare dava pace.

Poi le loro teste sparirono. Non sapevamo cosa pensare. La spiaggia verso cui credevamo nuotassero, non si avvicinava. Ci rendemmo conto che era effettivamente troppo lontana, una pazzia pensare di arrivarci a nuoto. Decidemmo allora di tornare indietro. Ma girandomi mi accorsi che eravamo già molto lontani dalla spiaggia di partenza, inaspettatamente.

In pochissimo tempo e con qualche bracciata eravamo già molto al largo. Esattamente a metà strada tra una spiaggia e l’altra. La corrente, silente, era fortissima. Io e Martin ci guardammo e non ci fu bisogno di aggiungere altro. Nuotare era inutile, uno spreco di energie.
“L’ importante è rimanere tranquilli, uniti, non bere, non stancarsi”, dissi.
Decidemmo di non farci prendere dal panico e dalla paura. Sapevo che erano loro ad uccidere, in fondo.

Mare e spiaggia

Onde sulla spiaggia

All’ improvviso Martin riuscì a toccare con i piedi, l’acqua era più bassa, lo urlò, mi aggrappai a lui, e dopo qualche suo passo toccai anche io. Questo ci riempì di fiducia.
“Qui potremo resistere ed aspettare i soccorsi”.
Ma la corrente ci tolse subito la speranza e ci riportò di nuovo dove non toccavamo. Le dita dei piedi si aggrappavano inutilmente alla sabbia, era come piantare un chiodo nell’acqua…Niente da afferrare e la corrente contro. (leggi il racconto originale) Ci alternavamo per galleggiare e riposarci. Era come sentire di non potere nulla. Come sentire di non avere alcuna forza. Nuotare nuotare ed essere sempre più lontani. Si può essere sopraffatti da questa sensazione e così, sì, morire. La luna era già lassù. Esattamente quel momento in cui è bianca, e convive ancora colla luce del giorno. Avrebbe fatto notte, e speravamo che qualcosa succedesse prima di allora. A tratti pioveva leggermente.

Eravamo ancora tranquilli e quando vacillavamo ci rassicuravamo a vicenda. Sentivo che non sarei morta quel giorno, sentivo che seppure fossi morta mi sarei sentita soddisfatta.

Galleggiavamo a momenti alterni, ci tenevamo per mano, vivevamo l’ intensità di quella situazione parlando della grandezza di quell’ entità che ci teneva fra le sue braccia. Avevamo infatti entrambi questa sensazione, quella di essere “contenuti”. Pensavamo alle ipotesi più positive, ci facevamo coraggio, non saremmo morti quel giorno. “Vontade de viver” , e qualcosa di molto, molto più grande di noi.

Il sole si era ormai tuffato nell’acqua. Era urgente che arrivasse una barca, che pensassero a noi. Eravamo molto lontani dalla riva, tanto lontani che sarebbe stato impossibile tornare a nuoto.
Non ce la avremmo fatta neanche da nuotatori professionisti e con la corrente a favore.

A momenti mi veniva da piangere, a momenti mi veniva da ridere.

“Staremo uniti fino alla fine”, ci abbracciammo. Nessuno dei due avrebbe potuto avere un miglior compagno di disavventura. Eravamo due rocce che si prendevano per mano, il mare era molto più grande e forte di noi, era lui che comandava, eppure noi eravamo due piccoli esseri uniti ed intelligenti. Guardai il cielo e cercai mio nonno, sentivo che lui mi stava guardando. Guardai il cielo, il mare, pensai a Yemanja, la divinità del mare. A tratti provavamo a gridare aiuto, magari qualcuno ci stava cercando, e ci avrebbe sentito…
Sentivo che se anche fossimo morti tutti, il mondo avrebbe continuato ad esistere ugualmente, perchè il cielo, il mare, la terra sono tanto più grandi di noi…..Era tutto molto bello, estremamente tranquillo. Pensai a tutte le cose che probabilmente non avrei più fatto, eppure riuscivo a sorridere.
Non sarei tornata a Rio, per il carnevale, non avrei più compiuto gli anni, né ballato il samba.

spiaggia Brasile

“Io non ti lascio, stai sempre accanto a me, se sopravviviamo io ti sposo”, dissi a Martin.
Lo feci come per scaramanzia, come se pronunciare quella promessa aumentasse le possibilità di salvezza. In realtà lo facevo perche avevo forse perso la speranza, perchè trovarci per una barca sarebbe stato impossibile.

Era buio ormai. Cominciavo anche a sentire un po’ freddo. Non credevo di poter arrivare alla mattina seguente. Era chiaro che avremmo fatto una brutta fine. Non riuscivo tuttavia ad immaginare “tecnicamente” come questo sarebbe successo, avevo una grande vitalità, un senso di sopravvivenza nuovo. Il mio corpo sapeva, perche non chiedeva. Non chiedeva insistentemente acqua, cibo, riposo.

All’improvviso Martin sentì terra di nuovo, mi urlò che stava toccando, con i piedi.

C’era un banco di sabbia, in pieno mare aperto. Distesi le gambe. Era vero, toccavo anche io con le punte dei piedi. Ci spostammo un po’ e toccavo bene, con tutta la pianta. Riposavo le gambe, non mi sembrava vero. Avevo avuto  il corpo tesissimo per troppo tempo e me ne rendevo conto solo nel momento in cui lo rilassavo. La corrente non ci portava più via, potevamo rimanere fermi, saldi.
Restammo per un po’ nel dubbio se aspettare eventuali soccorsi laddove si toccava o se approfittare dell’apparente cambio di marea. Toccare terra però era un gran sollievo ed in un certo senso ci sentimmo già un po’ salvi. 

Il banco di sabbia finì. Ad un tratto non toccavamo più il fondale con i piedi, ma ormai vedevamo la spiaggia in lontananza, e soprattutto, la corrente era cambiata, non spingeva più verso il mare aperto! Decidemmo dunque di nuotare, era la nostra unica possibilità.
Nuotammo disperatamente per circa quindici minuti, cominciò a piovere a dirotto, non sentivo più le gambe, ma volevo vivere. Dopo un lasso di tempo interminabile, mancavano pochi metri alla riva, si toccava, stavamo uscendo dall’acqua trascinandoci di nuovo con le poche forze rimaste, camminando, perchè non ce la facevamo più a nuotare e la sensazione di essere ritornati e poter camminare a pochi metri dalla spiaggia era inverosimile. Non ci credevo, mi buttai sulla sabbia e urlammo. Ci concedemmo però solo pochi secondi per renderci conto del miracolo. Eravamo tornati.>>
Per leggere del ritorno nel villaggio, di quanto questa esperienza abbia cambiato la vita di Elisa e Martin e se poi alla fine si sono sposati davvero, vai al blog di Elisa
Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube