Ti posso aiutare ad organizzare il tuo primo viaggio in solitaria

Molte persone quando immaginano una partenza in solitaria hanno delle paure ricorrenti, paure che disegnano uno scenario per loro spiacevole. La maggior parte di queste paure viene da una mancanza di esperienza che ci fa pensare ad un immaginario completamente diverso dalla realtà.

Quando si ha paura di qualcosa vuol dire che c’è uno scenario che non vogliamo che si verifichi, ma la stessa situazione che ci intimorisce può portarci anche ad uno scenario bellissimo. Se restiamo bloccati abbiamo una sola certezza, ovvero che non si presenti quello scenario, insomma perdiamo in partenza.

Senza scendere troppo nei casi specifici o personali queste sono le paure più frequenti che gli italiani mi hanno sottoposto in questi anni.

Paure di viaggiare da soli:

1. Paura di restare da solo

Viaggiare da soli significa unicamente partire da soli, non restare da soli per tutto il tempo che si è in viaggio.
In viaggio si è più ricettivi all’altro, ci si pone in una condizione di maggiore apertura, si è soli solo se si sceglie di esserlo. Credo che l’immagine del viaggiatore solitario seduto ad un tavolo di una trattoria con luci gialle e tremolanti, che mangia una zuppa triste con un quartino di vino, sia un retaggio dei film anni ’70, la realtà è completamente diversa. Certo bisogna essere preparati e disposti a stare in nostra compagnia, capita spesso di passare diverse ore in solitudine, all’inizio per caso, poi sarà una scelta personale, a volte anche un’esigenza.
Ho intervistato più di un viaggiatore che mi ha detto che prima di partire era in preda al turbinio della “to do list” tipica di coloro che hanno tutta la vita programmata: lavoro, sport, interessi, amici, vita notturna e che vanno in crisi quando un venerdì sera restano a casa. Nel viaggio tuttavia, le stesse persone, hanno imparato che si è molto occupati anche quando si sta da soli con sé stessi e più sei padrone di questa dimensione, più l’apprezzi. La solitudine è spesso un concetto dal quale rifuggire specialmente nella cultura occidentale. Credo invece che bisognerebbe allenarsi a stare da soli, perché questo ci renderebbe persone più forti. È un dato di fatto, tutti nasciamo e moriamo da soli, durante la vita abbiamo la possibilità e la fortuna di scegliere e di essere scelti da persone con le quali condividere alcuni momenti della nostra vita. L’altro è, e sarà sempre una scelta, non una necessità.

Negli ultimi anni si parla sempre di più di dipendenza affettiva: le persone innescano comportamenti “bulimici”, “patologici” verso gli altri, spostano totalmente il proprio centro, il proprio nucleo nelle mani di un altro, succhiando la felicità dall’altro. Questo implica che non solo la felicità, ma anche l’infelicità è nelle mani di una persona esterna. Imparare a convivere con la solitudine o meglio con sé stessi, conoscersi, apprezzarsi, divertirsi senza aver bisogno necessariamente di qualcuno, ti rende libero, ti permette di scegliere di condividere con chi realmente dà un valore aggiunto alla tua vita.

DSC00578_Snapseed

2. Paura di spendere di più

Siamo figli del “supplemento singola”, siamo cresciuti nell’epoca in cui il viaggiatore solitario è stigmatizzato dall’industria del turismo, ma esiste il modo di raggirarlo: condividere.
Viaggiando da soli non necessariamente si spenderà di più, soprattutto perché si è meno esigenti; quando si viaggia con gli amici è un continuo celebrare, brindare, cenare nel posto più carino, mentre da soli tutti i “fronzoli” vengono tolti, si è prevalentemente impegnati alla scoperta del Paese che ci ospita. Una virtù necessaria del viaggiatore solitario dovrà senz’altro essere la capacità d’adattamento, perché senza ombra di dubbio si può spendere poco, ma si devono abbassare gli standard.

3. Paura di essere giudicati

L’occhio più giudicante di tutti è sempre il nostro, nessuno è più cattivo del nostro Super-Io. Molte persone mi hanno scritto dicendomi che avevano paura di sentirsi osservate e allo stesso tempo giudicate, come se i passanti o le persone al ristorante o nei bus li guardassero con disappunto e sdegno. È un pensiero ricorrente, non perché sia vero, ma perché molte persone che vogliono intraprendere un viaggio in solitaria, hanno loro stessi un immaginario negativo. Si autogiudicano prima che lo facciano gli altri. Pensano in prima persona, che sia da “sfigati”, da chi non ha trovato nessuno per partire, come se fosse lecito divertirsi in gruppo, ma illecito farlo da soli, come se fosse un comportamento raro, esclusivo. Nel mondo nessuno ti guarda con occhi di disapprovazione, o forse qualcuno ci potrà pure essere, ma così come accade per tutte le altre circostanze della vita, non cerchiamo, né pretendiamo la conferma sociale da tutti per ogni cosa. Ci sono aspetti verso i quali si va diritti per la propria strada, perché si è convinti delle proprie idee. E se non si è ancora totalmente convinti, bisogna ascoltare il consiglio di qualcuno che ha fatto quell’esperienza prima di noi; non di chi non l’ha mai fatta. Generalmente chi non ha mai viaggiato da solo, scoraggia il futuro viaggiatore solitario, riempendolo di paure inulti e miti sociali. Per fortuna nel mondo di oggi è molto più facile chiedere il consiglio di esperti e anche in questo caso è buona norma chiedere il consiglio a più di una persona per avere un parere più obiettivo.

 

4. Viaggiare da soli è pericoloso

La risposta ufficiale è NO! Iniziamo con il dire che la maggior parte della gente che incontreremo in viaggio è più disposta ad aiutarti che ad aggredirti, che noi abbiamo la malsana ed innata idea di pensare sempre male del prossimo, quando il prossimo, salvo eccezioni, è una “brava persona!”.
La cosa più difficile quando si viaggia da soli, a prescindere dal genere, maschile o femminile, è avere l’umiltà di capire che la nostra cultura è diversa dalle altre e che quindi non necessariamente le altre persone ci capiranno o avranno la stessa maniera di interpretare quello che facciamo.
In molti Paesi meno sviluppati dell’Europa, la gente ha il preconcetto di essere considerata come inferiore (e molte volte viene veramente trattata come tale). Molti turisti si sentono superiori solo per avere avuto la fortuna di essere nati in un Paese “ricco”, d’altro canto la gente locale, per controbilanciare questo atteggiamento, mette in atto, in alcuni casi, un comportamento aggressivo, così da poter dominare anche se solo nell’immediato, una persona “superiore” a lui.
Questo discorso decade quando gli stessi non si sentono trattati a livello inferiore.
Quando viaggi e ti poni allo stesso livello della gente del posto, qualsiasi livello esso sia, le persone ti accolgono, ti reputano uno di loro e non penserebbero mai a farti del male, ma solo a mostrarti cosa c’è di buono nel loro Paese.
Questo atteggiamento di parità si sottolinea in tante piccole cose, specialmente mostrando interesse. Ogni volta che viaggio sui mezzi pubblici, parlo sempre con le persone che mi sono sedute accanto e do loro del “lei” (se nella lingua che sto parlando esiste), se sono più adulti di me. Condividere il cibo o le bibite che si hanno è sempre un buon modo per creare un legame. Mi piace mangiare nei ristoranti locali o magari per strada dove mangiano tutti, serve anche per far vedere al Paese che ti ospita che vuoi semplicemente essere uno di loro. Le relazioni interpersonali sono fatte per il 90% da emozioni sottocorticali, quindi inconsce. Le persone lo sentono quando sei sinceramente interessato e non ti metti in una posizione di superiorità. Chiedendo consigli, o a volte anche aiuto con un sorriso sulle labbra, ho sempre ricevuto infinta gentilezza ed ospitalità.

5. La noia

Forse sarà perchè sono figlia unica, o perchè ho una grande capacità immaginativa, ma io da sola non mi sono mai annoiata, né a casa né in viaggio. Mi ha sempre dato questo senso di libertà e infinita scelta, in ogni momento, in ogni istante puoi sempre scegliere di fare o essere quello che vuoi.

Il viaggio in solitaria esaspera questo concetto all’ennesima potenza, le nostre possibilità sono infinite e come dicevo nel primo punto, ogni volta che sentiamo la voglia o la curiosità di condividere le nostre esperienze con qualcuno o semlicemnte di fare due chiacchiere, abbiamo solo l’imbarazzo della scelta. Basta rompere il ghiaccio con qualcuno dell’ostello, del bus, o magari con la persona seduta accanto a noi in caffeteria. Questo è uno dei motivi per cui io sottolieno sempre l’importanza di parlare molte lingue straniere, perchè le distanze si accorciano ed è sempre tutto più facile. Mi rendo conto che chi non parla nulla oltre l’italiano è obbligato a rimanere forzatamente isolato, ma dopo tutto è una sua scelta, le lingue si imparano, si studiano non è che si apprendo per grazia ricevuta.

E per voi quali sono le paue più ricorrenti legate al viaggio in solitaria?

Come Viaggiare da Soli

Tutto quello che c'è sa sapere dalla A alla Z per iniziare a viaggiare in solitaria. Grazie al Travel Coaching trasformerai passo dopo passo, autonomamente, il viaggio in un momento di crescita. Un manuale pratico e di trasformazione,

Leggi il Mio Libro
Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube

Newsletter
Iscriviti alla newsletter e ricevi gratuitamente l'ebook del Viaggiatore Felice
100% Privacy. Non ti invieremo spam.