Una delle ultime destinazione scoperte in Guatemala, ancora pochi ci vanno, vi piace l’avventura allora fate una deviazione per Semuc Champey.

Sono partita con una guida del 2007, dato che l’avevo comprata in vista di un viaggio andato a monte, all’epoca Lonely Planet dedicava mezza colonna a questa destinazione, poi un giorno a Flores, guardando un bellissimo poster che ritraeva una serie di piscinette calcaree nella selva, ho chiesto ad un ragazzo: “sembra bello, ma dove è in Guatemala?” e lui oserei dire con una espressione tra lo schifato e lo stupito, mi ha risposto “ma come è Semuc Champey el ultimo destino de Guatemala”.

Quindi ho iniziato a chiedere in giro e tutti mi dicevano che “nn potevo nn andarci”, beh allora la decisione era presa. In Guatemala per la maggior parte del tempo viaggiavo con una ragazza inglese conosciuta nel mio ostello di Flores, Sam, lei è una insegnante di arti marziali, super energica, così abbiamo deciso di andarci appena possibile.

Semuc Champey Guatemala

Come ho già detto altre volte, Semuc Champey è molto molto difficilmente raggiungibile da qualsiasi punto del Guatemala voi veniate, ci si può arrivare solo percorrendo molta strada sterrata, con un risultato di 5-7 ore di viaggio almeno.

Il centro abitato più vicino a Semuc è Lanquin, oddio chiamarlo centro abitato è davvero un complimento, si tratta di 200 metri di strada con delle case, un paio di negozi simil supermercato, qualche panetteria e due ristoranti.

Oltre un albergone bianco abbastanza squallido i principali alloggi di Lanquin si affacciano sul fiume, sono bungalow di diversi livelli di servizi, hanno tutti un bar e un ristorante all’interno e sono: El Retiro, dove ho alloggiato io, dove una doppia con bagno privato costa circa 15€ e un posto in camerata (con acqua fredda) 5€. Da notare che se pernotti 2 notti, che è proprio il minimo indispensabile, e fai l’escursione con l’ostello, la seconda notte in camerata è gratis.

Semuc Champey Guatemala

Il ristorante prepara un paio di menù a serata di qualità medio bassa. Ma come sempre accade in questi posti l’atmosfera è simpatica e raccolta, senza essere festaiola.

Se invece siete gggiovani e avete voglia di alloggiare in un party hostel vi consiglio Zaphir, bellissimo ostello con molte costruzioni in bambù. Lo stile è praticamente uguale al El Retiro, ma la differenza è che mentre al Retiro ci si riposa al Zaphir si fa baldoria tutta la notte, molte recensioni e pareri di viaggiatori dicevano che lo staff incitava gli ospiti nel fare giochi che avevano in palio alcolici, come il beer pong, ok un giorno vi spiego cosa è il beer pong. Vi consiglio di alloggiare in uno di questi due se arrivate di tardo pomeriggio, perché gli altri due lodge/ostelli sono proprio alle porte del parco di Semuc e sono necessari altri 20-30 minuti di jeep nel nero più nero.

Semuc Champey Guatemala

I due alloggi nelle vicinanze del Parco sono Utopia e El Portal, entrambi bellissimi, sull’acqua e con ottime recensioni, attenti che la corrente elettrica c’è solo poche ore al giorno. Il lato positivo di alloggiare direttamente alle porte del parco è che potrete andare alle piscine a piedi negli orari che più desiderate e magari soggiornarvi una notte in più.

 

Cosa aspettarsi a Semuc Champey – Guatemala

La mia amica Sam con la quale viaggiavo, mi ha detto che le è piaciuto così tanto il posto perché nn sapeva cosa le si prospettava. Io nn lo so, a parer mio avrei voluto saperne di più perché io odio le caverne, ma forse se avessi saputo a cosa andavo in contro avrei fatto un altro percorso e mi sarei tolta una esperienza quanto meno intensa.

Tutte le escursioni iniziano alle 9.30 dal caving, io direi che se potete fate prima le piscine perché altrimenti ci arriverete con l’ombra.

  1. Caving: sapete cosa è il caving? L’esplorazione delle caverne, io l’ho fatto in Colombia e posso affermare che nn mi piace! Perché? Troppi pipistrelli acqua fredda e umido, diciamo che per una mezz’oretta mi diverto, per tre ore “mi prende male” come si dice a Roma. La caverna di Semuc è molto avventurosa, quasi sempre piena d’acqua , quindi oscillerete tra avere l’acqua alla vita e averla al collo, in un paio di punti si passa sotto una cascata, uno in particolare di fa un salto di un metro senza vedere niente, e poi, cosa che a me non piace, è un vicolo cieco. Questo vuol dire che quando finalmente siete arrivati, ossia dopo un’ora dovrete ritornare indietro sullo stesso cammino! Detto questo è in senso assoluto molto bello e divertente, è solo che a me nn piacciono le caverne con l’acqua.

    Semuc Champey Guatemala

    Tubing a Semuc Champey Guatemala

  2. Poi si passa al rope swing con l’altalena, sembra facile, ma quando lo fai ti prende un buco allo stomaco pazzesco, anche perché se non salti giù dall’altalena non è piacevole, ma per me è pur sempre molto molto divertente.
  3. Tubing, ossia farsi trascinare dalle rapide seduti su una camera d’aria, ammetto che le rapide sono difficili da raggiungere, quindi nn si prende tanta velocità, dura abbastanza poco, ma è carino!
  4. Hiking, chi non è interessato può anche non farlo, ma per vedere il mirador sono necessari circa 35 minuti di scaloni nella giungla con un tasso d’umidità interessante. Ma il percorso è abbastanza facile e corto, quindi anche se magari vi scenderà un po’ la pressione e vi mancherà il fiato, non è un percorso difficile e la vista è bellissima.
  5. Swimming, e poi dulcis in fundo quello per cui avete fatto tutti questi sforzi, le piscine calcariche tanto anelate.Sono tantissime piscine comunicanti, di acqua fresca, se sono ancora bagnate dal sole è senza dubbio meglio, perché considerate che è dalle 9.30 del mattino che siete bagnati e ora sono quasi le 4! Molto divertente e piacevole. Nelle prossimità delle psicine ci sono anche dei bagni, degli spogliatoi e degli armadietti per chiudere a chiave i vostri averi e nuotare liberamente.

Semuc Champey Guatemala

Per i più temerari dopo una giornata del genere alle 17 si può andare anche a visionare La Grotte di Lanquìn, una grotta piena di pipistrelli, si arriva li al tramonto e quando il sole cala si assiste a migliaia di pipistrelli che prendono il volo verso la notte, solo a scriverlo ho i brivi, ma sono sicura che ad aluni di voi l’idea piace.

 Concludendo, Semuc Champey è ancora una località non troppo turistica, ci sono turisti ma non turismo di massa, il fatto di avere le strade ancora così scomode scoraggia molte persone. Io vi consiglio di andarci, e di andarci prima che costruiscano una superstrada, ma credo sia importante sapere cosa troverete, sia come livelli di confort delle strutture sia come giornate di attività, se cercate il relax andate oltre!  
Francesca Di Pietro

Francesca Di Pietro

Psicologa e Viaggiatrice. Giro il Mondo e studio la personalità dei viaggiatori! Ho visitato più di 60 paesi molti dei quali da sola. Per me il viaggio è uno strumento di crescita personale. Ho creato questo sito per tutti quelli che amano viaggiare da soli o che vorrebbero iniziare a farlo.

Altri post di questo autore - Sito web

Seguimi sui Social
TwitterFacebookPinterestGoogle PlusYouTube